| categoria: sanità

PUGLIA/ Il nuovo assessore: blitz a sorpresa per snidare gli imboscati

Elena Gentile

”Useremo rigore nell’individuazione delle sacche di imboscamento. Saremo forti e autorevoli contro chi ha trovato utili approdi nel sistema, sottraendo capacita’ e lavoro nei reparti”. Lo ha detto il nuovo assessore alle Politiche della salute della Regione Puglia, Elena Gentile, a proposito dei blitz a sorpresa avviati da qualche giorno negli ospedali della regione. ”Non c’e’ alcuna voglia di vessazione o mortificazione degli operatori – ha precisato – vogliamo restituire loro dignita’. Le visite hanno suscitato molto scalpore – ha continuato Gentile – ma non sono una novita’: nel 2005 cominciai cosi’ il mio lavoro di assessore al Welfare con visite notturne nelle case di riposo e nei pochissimi centri diurni allora esistenti. Per me, per noi e’ importante raccogliere il sentimento diffuso nel sistema. Ora abbiamo macro indicatori eccellenti – ha detto Gentile – perche’ la Puglia ha centrato gli obiettivi. Ma ci interessano anche gli obiettivi di dettaglio, che analizzeremo parlando con gli operatori”. Questi ultimi ”sono una pattuglia straordinaria che ha affrontato i turni massacranti e che ha dovuto sopportare macchinari usurati o non collaudati che ora sbloccheremo e rinnoveremo come abbiamo gia’ iniziato a fare”. Gentile ha riferito ”della rabbia riscontrata presso alcuni operatori nel corso di uno dei blitz per una apparecchiatura montata da 8 mesi ma ferma” e ha lamentato anche le ”troppe baronie negli ospedali universitari. Le carte e le relazioni non bastano piu’, dobbiamo scandagliare luoghi di ombra e penombra”, ha sottolineato. ( ”Mi dispiace che a fronte di quasi unanimi apprezzamenti per i blitz – ha aggiunto Gentile – ci siano mugugni da parte di consiglieri regionali che sono anche medici”. L’assessore ha poi indicato alcuni degli argomenti che saranno affrontati con il Governo: la questione delle indennita’ per i pazienti danneggiati dalle trasfusioni, la riapertura della questione meridionale per il riparto dei fondi tra sud e nord e in piu’, ”un richiamo alle delegazioni parlamentari che finora poco hanno detto contro i guasti voluti in sanita’ dai governi scorsi e in carica”.

Ti potrebbero interessare anche:

Eterologa, primo via libera delle Regioni a nuove regole
Le pagelle della sanità, la Toscana supera l'Emilia, precipita la Lombardia
Legge sul “Dopo di noi”. Pronto il riparto del fondo da 90 milioni
Con Consip risparmi su acquisti in sanità fino al 55%
Numero unico 112. Infermieri, polizia e vigili del fuoco denunciano rischi e inefficienze
CENSIS/ Gli italiani "riabilitano" i dentisti. Spesa in ripresa dopo la crisi



wordpress stat