| categoria: In breve, Senza categoria

Dall’inizio della crisi fallite 15mila aziende per ritardi nei pagamenti della Pa

Dall’inizio della crisi sono fallite 15mila imprese a causa dei ritardi dei pagamenti da parte della Pubblica amministrazione. A seguito di queste chiusure, il numero dei posti di lavoro persi si aggirerebbe attorno alle 60.000 unità. A stimarlo è la Cgia di Mestre. “Si tratta di dati molto preoccupanti, che mettono in luce gli effetti negativi sul tessuto produttivo ed occupazionale italiano dei ritardati o mancati pagamenti (siano essi imputabili a committenti privati o a quelli pubblici)”, avverte la Cgia”. Visto che il 95% delle imprese in Italia ha meno di 10 addetti, “l`eventuale – ricorda la Cgia – sblocco di una parte importante dei 91 miliardi di euro di arretrati che la Pubblica amministrazione conta nei confronti delle imprese, gioverebbe a tutto il sistema economico ed in particolar modo alle piccole realtà imprenditoriali”.

Ti potrebbero interessare anche:

F1 USA/ Vettel ancora in pole, sesto tempo per Alonso
Estate Romana, il bando non ha funzionato
Don Gelmini assistito 24 ore su 24 in comunità ad Amelia
Fregene, auto distrugge l'ingresso dell'Oasi wwf di Macchia Grande
Ricerca per la Raccolta Pubblicitaria
Aeroporto a Cortina, primo ok della giunta al Comitato promotore



wordpress stat