| categoria: attualità

Ruby scende in campo: mi hanno usata contro Berlusconi, ascoltatemi


Ruby El Marough, la ragazza marocchina al centro della vicenda dei ”festini di Arcore” ha manifestato sui gradini del palazzo di giustizia di Milano dove ha chiesto di esser ascoltata dai magistrati. ”Non sono una prostituta, devono ascoltarmi. Per colpire Berlusconi la stampa ha fatto del male a me. Oggi ho capito che è in corso una guerra contro Berlusconi e io ne sono rimasta coinvolta, ma non voglio che la mia vita venga distrutta. Voglio essere ascoltata dai magistrati per dire la verità ha aggiunto ricordando di essere la “parte lesa in questa vicenda”. La ragazza, al centro dei processi sulle presunte feste a luci rosse ad Arcore, uno dei quali a carico dell’ex premier, ha spiegato di aver subito una “violenza psicologica” da parte dei magistrati.
“Non ho mai avuto rapporti sessuali a pagamento e non li ho mai avuti con Silvio Berlusconi”, ha detto Ruby aggiungendo che nessuno ha voluto ascoltare la sua verità “l’unica possibile”. Ruby si è anche commossa e sul suo viso è spuntata qualche lacrima quando ha spiegato di essere stata insultata durante la Messa a Pasqua. “Ho subito un ennesimo episodio di intolleranza – ha chiarito la ragazza davanti a una ressa di telecamere e fotografi, leggendo un testo scritto ma senza rispondere alle domande dei cronisti – quando la domenica di Pasqua una persona guardando mia figlia ha detto ‘spero che non diventi come sua madre'”.
La giovane marocchina si è presentata sulla scalinata davanti all’ingresso del tribunale di Milano in corso di Porta Vittoria con un cartellone ‘a due facce’ con su scritto ‘Caso Ruby: la verita’ non vi interessa più?’ e ‘Voglio difendermi dalle bugie e dai pregiudizi’. Cartellone che ha lasciato all’esterno della cancellata del tribunale prima di andarsene, senza rispondere alle domande dei moltissimi cronisti. La ragazza ha esordito dicendo di essersi sentita “strumentalizzata da parte della stampa e dalla magistratura” e di aver deciso “dopo due anni di rompere il silenzio”, lo ha fatto con questa protesta “per mia figlia Sofia – ha aggiunto – e per la mia famiglia”. La marocchina ha raccontato inoltre che “c’é ancora tanta gente che mi guarda dall’alto in basso e trovo sconcertante che nessuno abbia voluto ascoltare la mia verità, l’unica verità possibile”.”Mi spiace aver raccontato queste bugie anche a Silvio Berlusconi il quale, oggi sono sicura, si sarebbe dimostrato rispettoso e disposto ad aiutarmi anche se avessi detto la verità”. E’ un passaggio del testo che Ruby ha letto ai giornalisti davanti al palazzo di giustizia, senza però poi rispondere alle loro domande.
Ruby nella nota che ha letto davanti a Palazzo di Giustizia in sintesi ha affermato che i pm milanesi volevano che accusasse il cavaliere, infatti ha parlato di “un atteggiamento investigativo apparentemente amichevole che è progressivamente mutato quando è stato chiaro il fatto che non avrei accusato Silvio Berlusconi”. Ruby ha sottolineato di essere stata “vittima di uno stile investigativo”.”La colpa della mia sofferenza è anche di quei magistrati che, mossi da intenti che non corrispondono a valori di giustizia, mi hanno attribuito la qualifica di prostituta, nonostante abbia sempre negato di aver avuto rapporti sessuali a pagamento e soprattutto di averne avuti con Silvio Berlusconi”. “Vittima di uno stile investigativo e di un metodo fatto di domande incessanti sulla mià intimità, le propensioni sessuali, le frequentazioni amorose, senza mai tenere conto del pudore e del disagio che tutto ciò provoca in una ragazza di 17 anni”. “La violenza che più mi ha segnato – ha scritto Ruby – è stata quella di essere vittima di uno stile investigativo fatto di promesse mai mantenute di aiutarmi a trovare una famiglia e di proseguire gli studi”. Di fronte, si legge ancora nel testo, “alla pressione incessante dei magistrati ho ceduto: era più facile dire sì e raccontare storie inverosimili, piuttosto che farmi angosciare o peggio far accettare la verità che avrei voluto raccontare”. E oggi, quindi, ha deciso di “parlare” per rispondere a chi, “magistrati e giornalisti inclusi, mi ritiene una poco di buono”. Secondo la ragazza, “la decisione dei giudici di Milano e dei difensori di Silvio Berlusconi di non ascoltarmi come teste mi ha danneggiato”. Tanta gente, ha scritto ancora la marocchina, la considera “una prostituta, sebbene il processo Ruby abbia dimostrato il contrario”. Nel testo la giovane parla di una “vera e propria tortura psicologica” ai suoi danni e di una “guerra” nei confronti di Berlusconi “che non mi appartiene, ma che mi coinvolge, mi ferisce”. Per tutto questo chiede “di essere sentita dai giudici di Milano, per raccontare la verità e impedire a chiunque di offendermi ancora per qualcosa che non ho fatto”. E conclude: “Voglio che mia figlia sia fiera di sua madre”.

Ti potrebbero interessare anche:

Eurispes, cresce la sfiducia degli italiani nelle istituzioni. Anche nel Quirinale
Truffa e falso, 21 a giudizio. Anche il senatore Crisafulli
Madre e figlio eletti a Latina nelle liste del M5S, anche Grillo ha i suoi problemi
Nonna e nipotina di 13 scomparse a Regello : ritrovate in gravi condizioni
Roma all'asciutto per la siccità, ministero: 'Pronti a chiedere lo stato di calamità'
Sea Watch, Salvini ancora indagato: «Porti chiusi finché resterò ministro»



wordpress stat