| categoria: politica, Senza categoria

Dietro front di Casini: sbagliata la scelta di correre con Monti

”Non sono deluso da Monti, ma da una scelta cui anche io ho concorso e che si e’ rivelata sbagliata. Abbiamo cambiato noi stessi i connotati di Monti: da servitore dello Stato, da Cincinnato che era, abbiamo pensato potesse essere l’uomo della Provvidenza per l’affermazione del centro. Ora comincia una nuova stagione. E’ evidente che la prossima volta dovremo schierarci. Misureremo le alleanze sul grado di affinita’ che avremo nel processo costituente”. Lo afferma il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, in un’intervista al Corriere della sera in cui auspica ”un patto leale tra Bersani e Berlusconi per rimettere in moto la politica”, che ”davanti all’Italia vera e’ in un ritardo inammissibile”. ”Il bipolarismo che io ho sempre combattuto e’ stato messo in crisi non dall’irruzione dal centro, ma dall’esplosione di Grillo. Un fenomeno che unisce tante cose: antipolitica, invidia sociale, giusto bisogno di partecipazione, il senso dei giovani di una mancanza di futuro”, osserva Casini, secondo cui ”alla prima scelta che il movimento fa, si spacca”. ”Noi politici dobbiamo liberarci dal complesso di colpa: l’esperienza e la tecnica sono necessarie”, sottolinea Casini. ”Oggi la sfida non e’ piu’ tra destra, centro e sinistra, ma tra un’idea della democrazia rappresentativa che si vuole conservare e un’idea della democrazia diretta via Web, che porta alle drammatiche contraddizioni di parlamentari scelti on line con 50 voti, che arrivano a Roma convinti che la perestrojka l’abbia fatta Stalin”. ”Oggi noi dobbiamo essere i collanti di chi ritiene che la partita sia tra populismo e difesa della democrazia rappresentativa. In questo senso si deve affrontare la sfida del Quirinale e del governo”, prosegue il leader centrista. ”Non possiamo inseguire Grillo. L’unico modo di batterlo e’ riformare le istituzioni” e ”oggi c’e’ l’occasione per farlo davvero”. ”Capisco che per i militanti di sinistra pensare di sostenere un governo con il Pdl sia un pugno nello stomaco; lo stesso vale per gli aficionados che vanno in piazza con Berlusconi. Ma se noi vogliamo vincere questa sfida – sostiene Casini – dobbiamo fare un percorso limitato nel tempo, di uno o due anni, affidato a un governo che prenda i provvedimenti piu’ urgenti per l’economia e faccia le riforme indispensabili: superamento del bicameralismo, abolizione del Senato, legge elettorale che consenta agli italiani di scegliersi i parlamentari”. Su quest’ultimo punto, ”dobbiamo riflettere seriamente se tornare o meno ai collegi uninominali”

Ti potrebbero interessare anche:

IL PUNTO/ Berlusconi pronto allo show down, si sente già in campagna elettorale
Il caso Geithner non si placa: Il Quirinale "non a conoscenza di pressioni"su Berlusconi
Alitalia, ultimi passaggi. Conto alla rovescia per closing Etihad
Riforme, alta tensione nel Pd. D'Alema: persi due milioni di voti
TREDICESIME/ In arrivo 50 miliardi, a 127mila famiglie in più
Salvini in Ungheria al muro anti-migranti



wordpress stat