| categoria: Senza categoria, sport

Il Real Madrid trema in Turchia, lo salva il solito Ronaldo

Difficile fermare Jose’ Mourinho ai quarti di Champions. Nessun ci e’ riuscito, nemmeno Fatih Terim, nemmeno Drogba e Sneijder. Ma che fatica per il tecnico portoghese! Per il Real Madrid al ‘Turk Telekom Arena’ e’ stata tutt’altro che una formalita’. Forti del 3-0 del Bernabeu le merengue alla fine hanno dovuto sudarsela eccome la qualificazione alle semifinali. Alla fine a decidere la sfida e’ stato Cristiano Ronaldo con una doppietta: la prima rete dopo appena sette minuti, la seconda in pieno recupero. Sembrava finita per il Galatasaray, che non invece non e’ crollato e nella ripresa ne ha infilati tre in un quarto d’ora (Eboue’, Sneijder e Drogba). Ma non e’ bastato lo stesso, ma stavolta Mourinho ha tremato. Alla fine lo Special One deve ringraziare il suo fuoriclasse, ancora una volta il protagonista della serata. Micidiale il suo destro volante al volo, dopo appena sette minuti, su un’improvvisa verticalizzazione impostata da Ozil e proseguita da Khedira. Suo anche il 3-2 finale su assist di Benzema. Ronaldo con la doppietta diventa il quinto marcatore di sempre in Champions League con 49 reti (supera l’ex milanista Shevchenko). Per ‘CR7′ e’ l’undicesimo centro di quest’anno in Champions. Per lui 193 le segnature con la maglia del Real in 191 gare. A quel punto con quattro gol da recuperare per il Galatasaray sembrava davvero una missione impossibile. Anche perche’ al 28′ la squadra di Mourinho avrebbe potuto fare il bis con Di Maria (bravo Muslera a deviare in angolo sull’esterno sinistro dell’argentino). E poco importa le assenze degli squalificati Sergio Ramos e Xabi Alonso e che alla mezz’ora Mourinho abbia perso Essien (problema ai flessori), sostituito da Arbeloa. Per i turchi solo possesso palla o poco piu’: al 38′ Sneijder tira fiacco, al 41′ Umut Bulut non trova la porta. Ma nella ripresa il Galatasaray e’ entrato trasformato ed e’ stata un’altra partita. La fantasia di Amarabat ha dato una spinta in piu’: al 12′ e’ arrivato anche un gran gol di Eboue, al 26′ gran gol di Sneijder, dopo un minuto grande numero di tacco di Drogba che segna di tacco su cross proprio di Amrabat e poco dopo si vede annullare un altro gol per fuorigioco. Ma le speranze dei turchi si sono infrante al 47′ sul secondo gol di Ronaldo (ancora lui) su assist, con il Real in dieci per l’espulsione di Arbeloa. Complessivamente superiore il Real, ma che paura per le merengue a Istanbul, dove i tifosi sono stati l’uomo in piu’ sospingendo la squadra di Terim e fischiando gli spagnoli dal primo all’ultimo minuto. Per un soffio Terim non riesce a fare lo sgambetto a Mourinho, e sarebbe stato il primo ko nei quarti per il portoghese. E stavolta il tecnico turco non puo’ recriminare neppure contro l’arbitro.

Ti potrebbero interessare anche:

Ablyazov arrestato a Cannes. Ora è un anche un problema francese
Magalli Presidente impazza sul web #magallialquirinale
Tegola sulla Juve, Pogba fuori 50 giorni
BASKET/ Nba cambia bibita, lascia lo sponsor Coca Cola per la Pepsi
FOCUS/ Clima, gli Usa pronti alla crociata contro i colossi del petrolio
IL CASO/ 2 - Cucchi è morto per epilessia, non per pestaggi?



wordpress stat