| categoria: sanità Lazio

Idi, accordo Cig e ritiro 405 licenziamenti

Roma - L'istituto dermatologico dell'Immacolata

Accordo raggiunto in serata alla Regione Lazio tra gruppo Idi -San Carlo di Nancy. Stop ai licenziamenti, sì alla cassa integrazione in deroga per 200 persone. L’incontro avvenuto alla presenza dell’assessore al Lavoro, Lucia Valente, per l’esame dello stato di crisi e le relative ricadute occupazionali del Gruppo, si è così positivamente concluso. Secondo l’accordo aziendale siglato il 9 aprile, i commissari straordinari hanno formalmente revocato la procedura di mobilita’ relativa a 405 persone.

La Regione Lazio, contestualmente, ammette il Gruppo Idi Sanita’ all’intervento della Cassa integrazione guadagni straordinaria in deroga per numero massimo di 200 unita’ lavorative per quattro mesi.
Le parti si impegnano a mettere in atto le misure concordate nel precedente accordo aziendale, fra cui riduzione significativa dei costi di tutte le spese per beni e servizi, conferma della gia’ avvenuta eliminazione di tutti i superminimi o assegni ad personam del personale, congelamento di ogni elemento/voce retributiva derivante da accordi sindacali aziendali, limitazione straordinari, verifica della possibilita’ e delle modalita’ per ricorrere a contratti di solidarieta’ per tutto il personale, disponibilita’ a favorire l’accesso al part-time, incentivi all’esodo, programmi di riqualificazione, riconversione professionale finalizzati alla riallocazione interna/esterna dei lavoratori.

“L’Idi si rilancia tornando ad una normalita’, puntando sulle principali attivita’ di eccellenza dell’Idi”, afferma il commissario dell’Idi Massimo Spina, al termine dell’incontro in Regione Lazio con i sindacati. ”Noi faremo in modo – aggiunge Spina – che la macchina riparta a pieno regime”. ”Non solo dal punto di vista dei lavoratori -precisa – ma anche delle apparecchiature e dei fornitori che devono, anche essi tranquillizzati sul futuro dell’Id. Senza questo accordo sicuramente non avremmo potuto neanche discutere di una ripartenza dell’ospedale. Quindi ringrazio sia le organizzazioni sindacali per il grande spirito di partecipazione, sia la Regione che si e’ fatta carico di questo problema. Carmen Silvestri, l’atro commissario dell’Idi presente questo pomeriggio al tavolo della Regione ha sottolineato ”l’esplicito impegno da parte di tutti a reperire strumenti alternativi agli ammortizzatori sociali. Si sono ripristinati positivi rapporti sindacali, secondo me una cosa molto importante”. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Intervento di routine si trasforma in tragedia, bambino diventa cieco al Regina Elena
Idi, la Regione non paga, stipendi nuovamente a rischio
Referti on line in tilt, sistema Lazio nel pallone. Funziona a Rieti e Latina
Ceccano, a settembre i lavori per la Rems definitiva in viale Fabrateria Vetus
LA DENUNCIA/ Al Pertini bloccate le prenotazioni per colonscopia
Asl Roma 4: attivato l’ambulatorio di Follow Up neonatale



wordpress stat