| categoria: turismo

A Roma la birra artigianale diventa Arte

La birra artigianale diventa Arte. Succede a Roma dove il birrificio laziale e’ partner del MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma per il progetto Joan of Art: Towards a Free Education, a cura di Mike Watson, dal 10 al 29 aprile. L’insolito progetto multidisciplinare che si dipana su più giornate coinvolgendo artisti, accademici e professionisti che operano in diversi settori L’insolito progetto multidisciplinare viene presentato oggi presso il MACRO Auditorium con la conferenza Joan of Art: Towards a Free Education. Una giornata di dibattito sul tema dell’adeguatezza dei modelli accademici alle reali e concrete esigenze della società e sull’esplorazione di possibili pratiche educative alternative. Già durante questo primo incontro sarà svelato ad un pubblico ristretto il ruolo di Birra del Borgo, che diventerà uno dei momenti centrali dell’appuntamento di lunedì 22 aprile 2013 con il Workshop, Workshop!: Information Bar, al quale il pubblico potrà partecipare in occasione dell’inaugurazione delle mostre di Hidetoshi Nagasawa e di Sam Durant.L’Information Bar distribuirà esclusive bottiglie di birra, create in edizione limitata in collaborazione con Birra del Borgo, sulle cui etichette sono stampate parti di frasi emblematiche relative all’importanza dell’educazione. Le frasi possono essere completate solo rintracciando la parte di frase complementare alla propria, dando origine così a un momento di condivisione e scambio di riflessioni, che lascia ad ogni persona coinvolta la possibilità di esprimere le proprie opinioni su una parte dell’etichetta.

Le etichette saranno esposte nei giorni seguenti all’inaugurazione nello spazio Area. La birra artigianale, prodotto già di per sé altamente socializzante, diventa dunque non solo una bevanda da consumare ma anche elemento di incontro, scambio e interazione, oltre che oggetto artistico. Quale occasione migliore per “presentare in società” la nuova bottiglia da 0,33 l. di Birra del Borgo, che riprende la caratteristica forma della bottiglia da 0,75 l., simile a una champagnotta, e anche il layout delle etichette con la tipica losanga. Oltre a essere una scelta estetica e di stile, si tratta anche di un ulteriore passo verso la sostenibilità da parte di Birra del Borgo. Realizzata in collaborazione con O-I Manufacturing, azienda leader nel settore del vetro da sempre attenta ai temi ambientali – ne è dimostrazione la volontà di esser vicini a Birra del Borgo nel suo impegno per l’ambiente – la nuova bottiglia di colore uvag-plus prodotta nello stabilimento di Marsala è infatti il frutto di un attento e prolungato studio ha che ha permesso di ridurre di circa il 30% il peso complessivo della bottiglia, con un risparmio in termini di impatto ambientale pari a 120 tonnellate di vetro ogni anno.

Ti potrebbero interessare anche:

Val d'Aosta a cavallo della primavera tra ciaspole e pedule
EFFETTO CRISI/ Traffico, sarà un'estate senza bollini neri
Vacanze, il 40% degli italiani le organizza su Internet
Comacchio e la sua valle, tra cibo, canti, balli e racconti
Agriturismo, nuovo must per la settimana bianca
A Spoleto mostra "In volo sull'Umbria"



wordpress stat