| categoria: sanità

Un dispositivo rileva le infezioni ospedaliere in meno di un’ora

Arriva dalla Finlandia un nuovo dispositivo per identificare rapidamente e a costi sostenibili le infezioni batteriche ospedaliere. Si tratta di GenomEra CDX realizzato dalla Abacus Diagnostica di Turku che utilizza la tecnologia del rilevamento del DNA per diagnosticare la presenza di malattie infettive e dei cosiddetti bug ospedalieri tra i reparti di una struttura sanitaria. “Le infezioni contratte in ospedale aumentano i tassi di morbilita’ e mortalita’ tra i pazienti accolti nelle diverse unita’ di assistenza sanitaria” ha spiegato Tom Palenius della Abacus in una nota. “Il nostro dispositivo e’ un analizzatore automatico che aiutera’ ad identificare in maniera affidabile, veloce e facile i batteri che si nascondono dietro la proliferazione delle infezioni negli ospedali attraverso l’analisi del loro DNA” ha precisato Palenius. La tecnologia e’ stata sviluppata da un team di ricercatori dell’Universita’ di Turku ed e’ talmente semplice da non richiedere alcuna formazione preventiva del personale ospedaliero. “Permette una diagnosi molto piu’ rapida rispetto ai tradizionali metodi basati sulla coltivazione, in cui sono necessari due o tre giorni nell’attesa dei responsi. GenomEra CDX riesce, invece, a svolgere il test in dieci minuti e da’ i risultati in meno di un’ora”.

Ti potrebbero interessare anche:

Sclerosi multipla, dai neurologi un "bollino qualità" per i centri specializzati
Anche i medici in piazza a Roma l'8 novembre
Malati di sla in piazza contro i tagli. Lorenzin, troveremo i fondi
Vaccini, i pediatri chiedono un sistema unico
Progetto Trinacria, oltre 2milioni per l'emergenza-urgenza sanitaria nelle isole minori
CROCE ROSSA: NUMERO VERDE PER RISPONDERE ALLE RICHIESTE DI AIUTO



wordpress stat