| categoria: attualità

Boston, maratoneta italiana partita tardi: “Sono miracolata”

Boston - La maratona dopo le esplosioni delle due bombe

Ha finito la gara prima che le bombe esplodessero ma adesso e’ barricata in albergo e non vede l’ora di scappare. Cosi’ all’ANSA Maria Vittoria Togni, bresciana è una dei 227 italiani iscritti alla maratona di Boston.

‘Sono arrivata in 3 ore 45 minuti, dunque prima delle bombe, ho raccattato le mie cose e me ne sono andata. Non ho visto nulla, ma una mia amica stava facendo il suo miglior tempo ed e’ arrivata a 500 metri dalla fine quando la polizia l’ha bloccata, e lei implorava, fatemi passare. Non glielo hanno permesso e ora si sente una miracolata’, ha detto la Togni.
Anche Maria Vittoria si sente miracolata: sarebbe dovuta partire con il secondo scaglione e in quel caso ‘sarei finita proprio in mezzo alla tragedia’. Ora i maratoneti italiani, e tuti gli altri venuti da fuori Boston per partecipare alla storica gara sono barricati negli hotel: ‘Non possiamo neanche uscire a comprare da mangiare’, ha detto la Togni: ‘Non vedo l’ora di andarmene da qui’. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Cairo compra La7? Sarebbe già fatta, a febbraio l'ufficializzazione
E' la crisi, a Lipari si suicida un noto albergatore
Maxifrode acciaio, a giudizio anche Ciancimino Junior
Avvocatessa sfigurata con l'acido: l'ex fidanzato condannato a 20 anni
Tangenti Anas, 19 arresti. Ci sono dirigenti, imprenditori e un politico
Allarme Europol, probabili attacchi dell'Isis con autobomba in Europa



wordpress stat