| categoria: editoriale, Senza categoria

Mandiamo al Colle un imprenditore. Forse saprebbe cosa fare

L’argomento Quirinale è quasi obbligato sul palcoscenico della politica, ma la gente pensa ad altro. I media, televisivi soprattutto, fanno lievitare il livello di insofferenza e di disperazione dell’opinione pubblica sottolineando gli effetti crescenti e devastanti della crisi in rapporto al dibattito accademico del politici. Protagonisti soprattutto gli imprenditori, grandi e piccoli, alle prese con problemi quasi insolubili e traditi dallo Stato che non li aiuta, non li paga ma esige di essere pagato.Sembrano gli unici ad avere le idee chiare oggi, gli imprenditori, talmente esasperati da non porsi più il problema di chi farà il governo. Basta che ce ne sia uno, di qualunque colore, ma che cambi le cose immediatamente. Sono arrabbiati, lucidi, decisi, il presidente di Confindustria, l’eccentrico Della Valle, le comparse che affollano gli studi televisivi a raccontare la loro disperazione. Siamo un paese di potenziali suicidi? Qualcuno lo ha detto, la proposta è provocatoria. Al Quirinale non servono uomini rappresentativi, servono uomini che abbiano”fame”, in senso metaforico naturalmente, che abbiano rabbia, lucidità, grinta, che siano abituati a ragionare in fretta e a rischiare in proprio. Non gli Amato e i Prodi, nemmeno gli sbiaditi tecnici alla Passera e alla Monti. Prestiamo il paese agli imprenditori (attenzione, Berlusconi non è compreso nel discorso) e lasciamo che facciano i loro interessi: a questo punto coincidono con quelli dei lavoratori e del sistema, se ce la fanno siamo salvi. Un imprenditore al Quirinale con carta bianca e autonomia. Certo, è una provocazione e un sogno assieme. Ma al punto al cui siamo. Diego della Valle for president?

Ti potrebbero interessare anche:

COMUNALI/ Litigano nel Pd vecchi e nuovi. Ma Bettini non si fa "rottamare"
Il Grillo pensiero: tra sei mesi senza soldi per pensioni e stipendi
USA/ Maltempo, crolla un pezzo della facciata del ponte di Brooklyn, 5 feriti
EDITORIA/ Il Corriere.it va a pagamento
MALTEMPO/ Sannio in ginocchio, a Benevento rioni fantasma
SPERLONGA/ Corte dei Conti sull’hotel di Cusani: “Danno erariale da 600mila euro”



wordpress stat