| categoria: economia

Il 44% dei pensionati ha un assegno inferiore ai mille euro

Quasi un pensionato su due riceve meno di mille euro al mese. Peggio: il 13,3% incassa dallo Stato meno di 500 euro. Eppure nel 2011 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 265,963 miliardi di euro, è aumentata del 2,9% rispetto all’anno precedente, mentre la sua incidenza sul Pil è cresciuta di 0,2 punti percentuali (16,85% contro il 16,66% del 2010). E ancora, i 16,7 milioni di pensionati (38mila in meno rispetto al 2010) percepisce (tenuto conto che, in alcuni casi, uno stesso pensionato può contare anche su più di una pensione) 15.957 uro all’anno, 486 euro in più del 2010. Il 23,1%, però, riceve tra 1.000 e 1.500 euro al mese, mentre il 32,8% ne incassa di più. Nel 2011 le donne rappresentavano il 52,9% dei pensionati e percepivano assegni di importo medio pari a 13.228 euro, (contro i 19.022 euro degli uomini) e oltre la metà delle donne (53,4%) riceveva meno di mille euro al mese, a fronte di circa un terzo (33,6%) degli uomini.
In particolare, le pensioni di vecchiaia assorbono il 71,6% della spesa pensionistica totale, quelle ai superstiti il 14,7%, quelle di invalidità il 4,2%; le pensioni assistenziali pesano per il 7,9% e le indennitarie per l’1,7%. Il 47,9% delle pensioni è erogato al Nord, il 20,5% nelle regioni del Centro e il restante 31,6% nel Mezzogiorno. Il 67,4% dei pensionati è titolare di una sola pensione, il 24,8% ne percepisce due e il 6,5% tre; il restante 1,4% è titolare di quattro o più pensioni. Due anni fa, in Italia, c’erano 71 pensionati ogni 100 occupati con un picco nel Mezzogiorno di 82 pensionati ogni 100 occupati. A livello nazionale, tra il 2001 e il 2006 il rapporto di dipendenza è diminuito, passando da 74 a 70 pensionati ogni 100 occupati, si è mantenuto costante nei successivi due anni ed è salito a 71 nell’ultimo triennio.

Ti potrebbero interessare anche:

CRISI/ Bankitalia: 'Calano i redditi delle famiglie, +16% di poveri'
Aumentano gli occupati, ma la disoccupazione resta al top
Fmi taglia previsioni di crescita per il 2015 e il 2016
Istat: continua crescita moderata, meglio per famiglie
Il Fisco nell'ombra: il 96% delle tasse è 'occulto'
Alitalia, precettazione per sventare lo sciopero del 22 settembre?



wordpress stat