| categoria: sanità Lazio

Ripresa l’attività dell’elisoccorso di Civita Castellana

L’elisuperficie di Civita Castellana ha ripreso a funzionare. Dopo il pronunciamento del Tar del Lazio infatti e’ stata smantellata l’antenna telefonica che per oltre sei mesi l’aveva resa impraticabile. La Wind l’aveva costruita grazie a un’autorizzazione ottenuta prima della realizzazione dell’elisuperficie, piazzandola ad appena un centinaio di metri. L’intera attivita’ di elisoccorso – questa e’ l’unica piattaforma in tutta la provincia di Viterbo abilitata al volo notturno – e’ pertanto rimasta bloccata, in quanto l’antenna si trovava sulla linea di atterraggio e non poteva piu’ essere garantita la sicurezza in volo. Il 29 ottobre scorso il sindaco Gianluca Angelelli aveva emesso un’ordinanza per smantellarle l’impianto, ma la societa’ si era rivolta al Tar. In giudizio si era costuito anche l’Enac. Nei giorni scorsi il pronunciamento a favore del Comune, perche’ ”nella comparazione degli interessi – si legge nell’ordinanza – appare preminente quello al funzionamento in condizioni di sicurezza del servizio di elisoccorso regionale Uoc – Ares – 118”. Da qui l’inizio dello smantellamento dell’antenna, che ha portato oggi alla ripresa dell’attivita’ dell’elisuperficie ‘Danilo Cerri’.

Ti potrebbero interessare anche:

San Raffaele Cassino, scioperano i dipendenti senza stipendio da tre mesi
Tempo di ferie, chiude per l'estate il centro di riabilitazione di Gaeta
Seri danni al Pronto Soccorso del Grassi, la Regione intervenga
L'INIZIATIVA/ La Peste di Camus nei viali dello Spallanzani
Giornata mondiale Aids, “Regione in prima linea per contrastarlo”
Spallanzani, in aumento le diagnosi tardive dell'HIV nel Lazio



wordpress stat