| categoria: salute

Autismo, possibile diagnosi alla nascita con l’esame della placenta

La diagnosi di autismo, che generalmente viene fatta intorno al terzo anno di vita, potrebbe essere effettuata molto piu’ precocemente, esaminando la placenta al momento della nascita per riscontrare se ci sono delle anormalita’. E’ quanto emerge da uno studio della Yale School of Medicine pubblicato sulla rivista Biological Psychiatry. Gli studiosi hanno analizzato 117 placente di bambini nati da famiglie considerate a rischio, nella quali cioe’ c’era gia’un bambino autistico, mettendole a confronto con altre 100 placente considerate normali. Ne e’ emerso che in quelle a rischio vi era un’alterazione del trofloblasto, il tessuto cellulare che serve a nutrire l’embrione, che non e’ stata invece riscontrata nelle altre. Questa alterazione- concludono gli studiosi-nel 96,7% dei casi porta a sviluppare autismo. “Spero questo esame della placenta diventi routine- spiega Harvey Klisman, autore dello studio- si potra’ in questo modo intervenire tempestivamente sui bambini ottenendo migliori risultati”.

Ti potrebbero interessare anche:

Da obesità a tiroide, endrocrinologi a confronto sull'universo infantile
Il sesso non aumenta il rischio di infarto, via libera degli esperti
Contrordine, videogiochi migliorano rendimento a scuola
Chi l'ha detto che quei cibi fanno male alla salute? Uova, patate, latticini, è solo brutta fama
Rischi ipertensione in alta montagna
Il pasto in ufficio fa ingrassare, troppe calorie



wordpress stat