| categoria: turismo

La Maremma si racconta nelle antiche piazze di Grosseto

Un grande salotto open air tra le vie e le piazze piu’ suggestive del centro storico di Grosseto, che rappresenta un po’ il cuore e la ”capitale” della Maremma. Si tratta di Maremma Winefoodshire, il salone dei vini, delle eccellenze agroalimentari e della cultura maremmana, ideato da Giovanni Lamioni, maremmano doc e presidente dalla Camera di Commercio di Grosseto che organizza la manifestazione con il supporto di Artex.
Maremma Winefoodshire, anticipata da una ”preview” ad Albinia il 10 maggio, per la prima volta – dal 17 al 19 maggio – porta la Maremma toscana coi suoi prodotti e i suoi produttori (130 in totale), ma soprattutto uno stile di vita maremmano, dentro la cerchia delle possenti mura esagonali che racchiudono il suggestivo borgo medievale di Grosseto.

Sara’ una vera festa: si entrera’ nella scenografica piazza Duomo per poi passare in piazza Dante, spostarsi in piazza del Sale proprio sotto le mura, e raccogliersi nella riservata piazza San Francesco. Il ”racconto” maremmano si dipana lungo spazi caratterizzati da un’impronta eco fashion attraverso immagini, storie, sapori, profumi, atmosfere che parlano di una terra in cui e’ forte la commistione tra natura e arte, ruralita’ autentica e storia. Una terra vocata al bello quanto al buono con prodotti eccellenti e vini memorabili, frutto di una viticoltura all’avanguardia in un terroir sempre piu’ emergente. Eccellenze da scoprire e degustare a Maremma WineFoodShire attraverso ”wine tasting” e ”classi del gusto” coordinate da Paolo Massobrio e Graziana Grassini, ”colazioni maremmane”, ”merende sul prato”, ”cene del casolare”. Una Maremma da assaporare anche a casa facendo shopping alla ”Bottega Maremmana”.

All’interno di aree suddivise in Wine, Food, Arti saranno gli stessi produttori storici e i piu’ giovani a raccontare la qualita’, il lavoro che c’e’ dietro l’eccellenza, gli artigiani del gusto come quelli delle arti, i pescatori come i butteri o gli allevatori. I maestri d’ascia come gli stylist che fanno esclusivamente capi di sartoria maremmana. E ancora, i cantori di storie e tradizioni millenarie come ”Il Maggio” cosi’ come chi ha scelto di fare musica contemporanea a partire da quella popolare ed etnica e che accompagnera’ queste tre notti maremmana sotto le stelle e giochi di luce fino a ”tirar tardi”, come si dice da queste parti.

Lasciata la “Festa Maremmana” nel cuore di Grosseto, non resta che allontanarsi dalla città e dopo una manciata di chilometri, magari anche in bicicletta, perdersi lungo strade poco battute, sentieri che costeggiano il mare o viottoli di campagna. Macchia mediterranea e boschi intricati, borghi fiabeschi in pietra, torri e castelli. Spiagge assolate e radure fitte di fiori selvatici, paesaggi di una luminosità intensa, rocce a picco sul mare e colline dolci, appena accennate ma ideali per gli ulivi e le viti.

Ti potrebbero interessare anche:

Cervinia, impianti aperti da sabato
FROSINONE/ Di nuovo attivi gli impianti sciistici di Campo Staffi
A Forte dei Marmi il primo festival di artisti di strada
Carnevale di Venezia 2016: sabato 23 si comincia
Vueling apre sette rotte a Fiumicino
Salento, Ibiza. Tra spiagge e locali top ecco come è diventata regina dell'estate



wordpress stat