| categoria: turismo

Trasimeno, sulle tracce di Annibale

I più ricorderanno dai libri di storia la fatale disfatta dell’esercito romano presso il lago Trasimeno ad opera dei cartaginesi. La quiete della vegetazione che circonda il lago e delle colline circostanti rende difficile immaginare le ore di sanguinosa battaglia del 217 a.C.. Siamo nel corso della Seconda Guerra Punica e il 21 giugno il console Flaminio diede ordine alle sue legioni di rimettersi in marcia all’inseguimento dei cartaginesi.

La sera prima Annibale si era premurato di fare accendere alcuni fuochi sulle colline di Touro perché i Romani credessero le sue truppe più lontane di quanto non fossero, ma aveva in realtà disposto i suoi uomini in modo da circondare completamente i nemici. I Romani si misero in marcia snodandosi lungo la stretta vallata, sulla quale gravava una fitta coltre di nebbia e al segnale di Annibale furono assaliti dalla forza della cavalleria e della fanteria cartaginese. In 15mila morirono, compreso il console Flaminio: secondo la tradizione il torrente che bagnava la zona per ben tre giorni fu rosso di sangue, di qui l’odierno nome di Sanguineto.

Oggi il luogo fa parte del Cammino di Annibale, principale percorso di terra della “Rotta dei Fenici”, itinerario culturale riconosciuto dal Consiglio d’Europa. Nei luoghi della battaglia non è rimasto nulla di tangibile dell’evento, ma il paesaggio ha mantenuto la sua conformazione: grazie all’opera di preservazione delle amministrazioni locali nella piana di Tuoro è possibile vedere gli spazi della battaglia ripercorrendo le varie fasi dello scontro, supportati dal Centro di Documentazione a Palazzo del Capra e da ricostruzioni virtuali inaugurate circa un anno fa. Attualmente sono presenti 13 aree di sosta in cui vengono approfonditi vari temi legati alla battaglia e lungo il percorso vi sono delle stazioni con pannelli esplicativi e indicazioni storico-ambientali. Palazzo del Capra, secondo la tradizione, è stato costruito sopra il mausoleo dedicato al console Caio Flaminio. Dal 25 aprile al primo maggio il biglietto ingresso è ridotto a solo un euro.
Il percorso Annibalico si snoda nella vallata nord-occidentale del lago, tra i colli e le rive del Trasimeno, interamente all’interno del territorio comunale di Tuoro. Vi si accede dalla statale 75bis del Trasimeno, raggiungibile dal raccordo autostradale Perugia-A1 (casello Valdichiana) utilizzando le uscite “Castiglione del Lago” e “Tuoro”.

Ti potrebbero interessare anche:

La Coldiretti plaude alla Toscana, che dice sì alle fattorie didattiche
Nasce in Sardegna la più grande rete di agriturismo d'Italia
Arte e ragù, in viaggio gratis con lo scambio
Le 10 stazioni ferroviarie più affascinanti del mondo
Vasche romane e antiche fonti benefiche, le terme italiane low cost
Da Sanremo ecco sette canzoni che invitano al viaggio



wordpress stat