| categoria: Roma e Lazio

I tassisti voltano le spalle ad Alemanno

«Alemanno è in difficoltà, al redde rationem, dopo cinque anni di governo di una metropoli ingovernabile, non può presentare un bilancio di successi, ha fallito. E non gli viene perdonato. Cinque anni fa, per festeggiare la sua elezione, i taxi facevano i caroselli a Piazza Venezia, l’altra sera all’incontro con il sindaco, davanti alla Bocca della verità, erano poche decine. E scontenti. «Ci ha traditi riprende ha promesso e non ha mantenuto nessuno dei suoi impegni», «Ha fatto le stesse promessi di cinque anni fa, ha detto che vuole cacciare da Roma gli ncc con licenza di fuori Roma, che vuole eliminare i tassisti abusivi, creare un’assicurazione unica per la categoria, permetterci di fare benzina nei depositi dell’Atac per risparmiare. Tutte chiacchiere. Roba vecchia. Ha avuto cinque anni per realizzare queste cose. Ci ha preso in giro». I commenti sono tutti in linea, lo staff del sindaco è imbarazzato. L’incontro, organizzato da David Gramiccioli, candidato al consiglio comunale nella lista civica “Cittadini x Roma per Alemanno sindaco”, ha scatenato tra l’altro le ire di centinaia di romani che non hanno più trovato la loro auto, rimossa dal carroattrezzi. Il divieto di sosta non sarebbe stato reso pubblico da nessun avviso, come invece è previsto per legge, raccontano i malcapitati. Un caos: 200 rimozioni forzate e multe fino a 120 euro. Tantissime le proteste arrivate al I gruppo dei vigili urbani, mentre un’indagine interna sarebbe già partita.
«

Ti potrebbero interessare anche:

IL COMMENTO/ L'estremo escamotage, la supersquadra per salvare Roma
CAMPIDOGLIO/ Marino telefona a Scozzese e Gabrielli
Ma allora, decideva tutto il "sindaco ombra" Marra?
Castel Fusano divorata dai roghi: scatta la chiusura della pineta
Crollo al Flaminio, il pm chiede una condanna e tre rinvii a giudizio
DIETRO I FATTI/ La Giunta grillina e le telecamere su via del Corso. Servono sceltepiù coraggiose



wordpress stat