| categoria: politica

Il governo a caccia di 6 miliardi, week end di lavoro a Via Venti Settembre

Studio, contatti, ipotesi. E’ un week end di lavoro il primo del governo Letta appena insediato. Ministri, viceministri e sottosegretari sono gia’ operativi e alla prese con i primi nodi, a partire da quelli di bilancio. I piu’ attesi per dare ossigeno a famiglie e imprese ma anche per vedere chi la spuntera’ nel tira e molla tutto politico tra Pd e Pdl sul futuro dell’Imu. Piu’ che l’imposta sulla casa la vera emergenza appare pero’ in modo sempre piu’ impellente la cig in deroga, senza il cui rifinanziamento, sarebbe a rischio, secondo il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni, la stessa tenuta sociale del Paese. In una serie di contatti con la sua nuova squadra, il presidente del Consiglio, Enrico Letta, si e’ confrontato direttamente anche con il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni. Sul tappeto ci sono le tre priorita’ ritenute ormai imprescindibili per arginare gli effetti sociali della crisi e rilanciare la crescita: oltre al finanziamento della cassa integrazione in deroga e la sospensione almeno della prima rata dell’Imu, anche abolizione del previsto aumento di un punto dell’Iva a partire da luglio. Misure che costerebbero in tutto circa sei miliardi di euro e per le quali bisognera’ trovare l’inevitabile copertura, confidando nella chiusura della procedura per deficit eccessivo nei confronti dell’Italia da parte della Commissione europea.Se si tratti di semplici misure da varare al piu’ presto, probabilmente gia’ in settimana, con piu’ provvedimenti o con una vera e propria manovra aggiuntiva ancora non e’ chiaro. Ma “le priorita’ sono quelle – spiega il sottosegretario all’Economia PierPaolo Baretta – evitare l’aumento dell’Iva costa circa 2 miliardi, per la cassa integrazione sono necessari tra 1 e 1,5 miliardi di euro, mentre la sospensione della prima rata Imu richiede circa 2-3 miliardi”. Per l’abolizione totale dell’imposta sulla prima casa sarebbero invece necessari 4 miliardi che salirebbero ulteriormente se, come vuole il Pdl, fosse eliminata anche quella sui terreni agricoli. “Stiamo tutti lavorando.

Dobbiamo studiare i dossier e la documentazione”, prosegue il sottosegretario spiegando pero’ che nessuna decisione su come muoversi potra’ essere presa prima dell’approvazione definitiva del Def, che approda in Aula a partire da lunedi’. “Bisogna prima completare questa pratica e poi vedremo”, osserva. Sulla tassa piu’ odiata dagli italiani non mancano pero’ neanche oggi le polemiche. L’Imu e’ solo un’operazione “demagogica” per Carlo De Benedetti che come priorita’ individua piuttosto il taglio delle tasse sul lavoro.

Posizione imprenditoriale condivisa a pieno anche dal sindacato di Bonanni: “Bisogna ridurre il cuneo fiscale. Non c’e’ piu’ tempo da perdere. La priorita’ e’ il taglio delle tasse piu’ che l’Imu”, afferma il leader della Cisl che lancia anche l’allarme disoccupazione. Se la cig in deroga non venisse rifinanziata, con l’emergenza esodati e disoccupati, spiega, e’ a rischio “la tenuta sociale” del Paese.

Ti potrebbero interessare anche:

M5S, La "scomunica" di Grillo incendia il blog, nel mirino anche il capogruppo Crimi
Pd confuso e poco sereno, slitta all'11 maggio l'assemblea per il reggente (Epifani?)
IL PERSONAGGIO/ Da Mani pulite all'Expo, la strana storia del "Compagno G"
Crocetta: sono un combattente, non mi dimetto
Pizzarotti lunedì lascia il M5S
Conte: 'Con i vicepremier ricognizione su rilancio governo'



wordpress stat