| categoria: riceviamo e pubblichiamo

La guerra dei rifiuti e i ricatti dei signori delle discariche

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:
“Caro direttore,
Non riesco a capire, se non pensando male, di come sia possibile che in alcune realtà locali il problema dei rifiuti sia risolvibile e risolto e in altre, come Roma e Napoli (ora anche Palermo) si vada a fondo e non ci si capisca niente. A Palermo c’è magari la mafia con i suoi interessi, a Napoli la camorra, ma a Roma? Vedo sul giornale un articolo che parla della guerra dei rifiuti ed evidenzia il ricatto di un signore – padrone di una discarica – che dice o i comuni pagano o chiudo l’impianto. Non sapevo che la gestione dei rifiuti fosse in mano ai privati in grado di porre condizioni, non sapevo che a Roma esistesse un signore delle discariche. Ho letto e studiato, ho visto che questo signore è il padrone di Malagrotta, detta condizioni, ha amicizie politiche, può condizionare i media. Tutto sbagliato. E non vedo come possiamo uscire dal tunnel.
Antonio Colusso – Albano (Rm)

Ti potrebbero interessare anche:

Ministro Lorenzin, altro che Stamina. Per i malati meglio i celerini?
METRO/ Quel giornale nella cabina del conducente, comunque pericoloso
Perchè gli italiani hanno bisogno dei buoni sentimenti di Terence Hill
Il dolore in questi giorni
Questione di educazione (mancata) al Bioparco di Roma
Quel rifiuto volante sulla strada



wordpress stat