| categoria: politica, Senza categoria

Commissioni, il momento della verità, i partiti cercano l’incastro dei nomi

Pierferdi Casini presidente della Commissione Esteri?

Si tratta per le commissioni. L’intesa per chudere il quadro tra Pd, Pdl e Scelta civica sembra in linea di massima definita, ma per ‘blindare’ i nomi potrebbe risultare molto utile prendere tutto il tempo a disposizione degli sherpa. Una prima riunione (non l’unica) si e’ tenuta stamattina tra capigruppo al Senato. I nomi dei presidenti devono essere certi perche’ si eleggono con voto segreto, e le imboscate possono essere dietro l’angolo. Il calendario prevede che alla Camera alle 14 e 30 si riuniranno la Affari costituzionali, Giustizia, Esteri, Difesa, Bilancio, Finanze e Cultura. Un’ora dopo tocca a Ambiente, Trasporti, Attivita’ produttive, Lavoro, Affari sociali, Agricoltura e Politiche dell’Unione europea. Al Senato si parte alle 15 con Affari costituzionali, Giustizia, Esteri, Difesa, Bilancio e Finanze. Alle 16 con Istruzione, Lavori pubblici, Agricoltura, Industria, Lavoro, Sanita’ e Ambiente. Il Pd, comunque, ha convocato i suoi parlamentari domattina alle nove per fare il punto. Per tutto il giorno i nomi dei ‘papabili’ si sono accavallati. Uno dei nodi piu’ discussi e’ quello delle commissioni Giustizia. I democratici hanno tenuto duro negli ultimi giorni sul nome di Donatella Ferranti, ma si e’ anche fatta strada l’ipotesi di lasciare la II commissione della Camera a Scelta civica e si e’ parlato di Gregorio Gitti.
Una scelta che farebbe saltare uno schema che e’ sembrato per giorni consolidato, visto che al Senato appare vicino alla meta Francesco Nitto Palma alla guida della Giustizia. Un soluzione, quest’ultima, che non viene vista con particolare entusiasmo all’interno del Pd, tanto che tra i democratici si era diffusa la voce di un ipotetico blitz con il M5S per eleggere al Senato Felice Casson. Altro nodo importante, le commissioni Affari costituzionali. Il Pd sembra piu’ vicino ad avere quella del Senato, con Anna Finocchiaro. In questo caso, alla Camera ci sarebbe il pidiellino Francesco Paolo Sisto. In alcuni casi l’intesa sembra piu’ semplice, come le commissioni Lavoro dove Cesare Damiano e Maurizio Sacconi, rispettivamente, alla Camera e al Senato sono il pole. Anche alla Bilancio il quadro appare chiaro gia’ da qualche giorno, con Francesco Boccia alla Camera e Antonio Azzollini al Senato. Altro scoglio per tutto il giorno e’ stato quello dell’Industria (che comprende le deleghe per le Tlc), che Silvio Berlusconi rivendicherebbe per se’. Alla Camera, per il Pd e’ circolato il nome di Guglielmo Epifani. Al Senato, e’ dato in calo quello di Paolo Romani. La commissione Attivita’ produttive ha dato luogo a una serrata trattativa, si era anche parlato della volonta’ del Pd di tenere due presidenze e del Pdl pronto a candidare al Senato ancora Romani.
Alla Esteri del Senato tiene sempre banco la candidatura di Pier Ferdinando Casini. Ma sono tanti i candidati, tra democratici e Pdl, in ballo in queste ore: alla Difesa della Camera Beppe Fioroni (o Rosa Calipari), all’Ambiente della Camera Ermete Realacci, alla Cultura e Istruzione del Senato il renziano Andrea Marcucci, alle Finanze di Montecitorio Daniele Capezzone. Aperta sempre la questioni delle commissioni di Garanzia. Il M5S si e’ candidato a guidare sia il Copasir che la Vigilanza Rai. Sono in campo, pero’, anche Sel (oggi Gennaro Migliore ha avuto un colloquio in Transatlantico con Dario Franceschini e secondo le ultime indiscrezioni si sarebbe sfilato dalla corsa, preferendo svolgere a tempo pieno il ruolo di capogruppo alla Camera) e la Lega. A questo proposito, era circolata l’ipotesi che il Carroccio potesse ‘girare’ la presidenza della commissione sui Servizi a Fratelli d’Italia che avrebbe pronto il candidato naturale: l’ex ministro della Difesa Ignazio Larussa.

Ti potrebbero interessare anche:

Nord Corea, manca solo l'ordine del presidente per un attacco a Seul e agli Usa
Sassuolo festeggia, conferma Di Francesco e sogna San Siro
Direzione Pd: minoranza all'attacco su riforme e alleanze
GIRO D'ITALIA/ Dumoulin stacca Nibali
Manovra: spuntano norma 'Airbnb' e tetti Isee per bonus mamme
8 MARZO: BONGIORNO, RIFORMA 'CODICE ROSSÒ ENTRO L'ANNO



wordpress stat