| categoria: sanità Lazio

Al San Raffaele di Cassino continuano a non arrivare gli stipendi. Lavoratori esasperati

Il "San Raffaele" di Cassino

Il segretario dell’Ugl Sanità Roma e Lazio, Antonio Cuozzo, e il segretario provinciale dell’Ugl Sanità di Frosinone, Rosa Roccatani chiedono che “si faccia chiarezza sulla mancata corresponsione degli stipendi ai 466 lavoratori del San Raffaele di Cassino”. Sono circa quattro mesi che i dipendenti del nosocomio non ricevono alcuna retribuzione: l’ultima mensilità, infatti, risalirebbe al mese di gennaio. A nulla sono serviti gli interventi del prefetto di Frosinone e della stessa Asl.
Una situazione molto esasperata e complessa, perché, fanno notare i sindacalisti, ci sono famiglie in cui moglie e marito lavorano nella stessa clinica e quindi non hanno altre fonti di reddito. Già si registrano casi umani di lavoratori costretti a farsi prestare i soldi per la benzina per riuscire a raggiungere il luogo di lavoro.
Nella riunione per la risoluzione della vertenza tenutasi lo scorso 30 aprile, la proprietà aveva preso degli impegni che però sembrerebbero ancora non rispettati. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Zingaretti "scopre" la sanità e firma decreti a raffica
No alla trasformazione dell'ospedale di Acquapendente in casa della salute
Ospedale dei Castelli, di nuovo operativa la Risonanza magnetica da 1,5 Tesla
Lazio, con app 112 geolocalizzazione
IL PUNTO/ Chi ha tradito sul serio gli anziani
Tivoli, D'Amato visita il cantiere dell'ospedale San Giovanni Evangelista



wordpress stat