| categoria: In breve

Incendiata in Calabria l’auto di un parroco anti-‘Ndrangheta

I tentacoli della criminalita’ si allungano fino a colpire don Elangui Rigaubert, il giovane parroco di Benestare, nel reggino, da tempo impegnato in favore della legalita’. La notte scorsa alcuni sconosciuti hanno incendiato l’automobile del sacerdote che era parcheggiata nei pressi della canonica. L’automobile e’ stata cosparsa di liquido infiammabile e data alle fiamme. Il sacerdote, di origini congolesi, e’ parroco da due anni della chiesa di Santa Maria della Misericordia a Benestare, nella locride. Stamane il parroco ha scoperto il danneggiamento del mezzo ed ha denunciato l’accaduto ai carabinieri che hanno avviato le indagini. Gli investigatori hanno compiuto una serie di accertamenti e di verifiche per individuare gli autori ed il movente dell’intimidazione. La notizia dell’intimidazione a don Elangui ha creato sdegno in tutta la comunita’ di Benestare e nel resto della Calabria. Il Vescovo di Locri, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, ha espresso apprezzamento per la serieta’ e la dedizione pastorale del sacerdote. ”In attesa che le forze dell’ordine facciano luce sull’attentato – ha detto mons. Morosini – devo deplorare il grave gesto che umilia tutta la comunita’ civile della Locride, chiamata ancora una volta a dover subire tanta vigliaccheria”. Il sacerdote ha ricevuto decine di telefonate di solidarieta’ e di attestati di stima. Sulla vicenda, pero’, ha preferito non rilasciare dichiarazioni. Dopo aver appreso la notizia di quanto era accaduto nella notte il viceministro dell’Interno, Filippo Bubbico, ha raggiunto tempestivamente la Calabria. A Locri l’esponente del governo, accompagnato dal prefetto di Reggio Calabria, Vittorio Piscitelli, ha incontrato il vescovo ed il sacerdote minacciato. “Sono qui – ha detto Bubbico – per testimoniare la vicinanza mia personale, del ministro e delle istituzioni a questo territorio, alla Chiesa e a tutti i cittadini che ogni giorno sono in prima linea nella lotta alle mafie. Una societa’ che si lascia intimidire dalle minacce rinuncia alla speranza. Il nostro Paese non se lo puo’ permettere, soprattutto al Sud, dove e’ maggiore il carico di sofferenza”. Bubbico ha poi evidenziato che ”dobbiamo rispondere alla richiesta di sicurezza e legalita’ che proviene dai territori e dalla Calabria in particolare, che ha bisogno di essere sostenuta e valorizzata nelle sue energie migliori”

Ti potrebbero interessare anche:

Cina/ Traghetto urta oggetto non identificato, 80 morti
Franzoni vorrebbe tornare a Cogne. Gelo del sindaco
ROMAMAFIA/ Buzzi: abbiamo battuto il sindaco Marino 2-0
Taranto, morto dopo quattro giorni di agonia l'operaio Ilva ustionato dalla ghisa
Droga, decine di arresti tra Napoli e Caserta, anche studenti di liceo classico
Napoli, la carica di Hamsik, sogno uno scudetto da capitano



wordpress stat