| categoria: economia

Saccomanni rassicura l’Europa, gli impegni presi verranno confermati

Fabrizio Saccomanni, Ministro dell'Economia

L’Italia ancora sotto esame a Bruxelles, ma il ministro dell’economia Fabrizio Saccomanni tranquillizza l’Unione Europea assicurando che il nuovo governo conferma gli impegni del precedente e “tutte le misure che si appresta a prendere non alterano i saldi del 2013”. Nonostante le rassicurazioni, il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, vista “l’agenda ambiziosa”, invita “il nuovo governo a mantenere il ritmo di consolidamento di bilancio”. L’attenzione dell’Eurogruppo è tutta rivolta all’Italia che deve rincuorare i suoi partner sulla tenuta dei conti e soprattutto sul percorso di rilancio di crescita e occupazione.
Saccomanni spiega ai suoi colleghi le priorità del governo in materia economica, dove tutte le misure per affrontare le questioni più urgenti “saranno prese in modo da non alternare i saldi della finanza pubblica per il 2013”.
Il ministro dell’economia però non si espone per gli anni successivi, ma aspetta che la Commissione Europea decida se chiudere o no la procedura per deficit eccessivo, verdetto previsto per il prossimo 29 maggio, quando Bruxelles invierà una serie di “raccomandazioni specifiche” che l’Italia dovrà rispettare. Quando si chiuderà la procedura, sarà difficile per l’Ue dire “no” alla richiesta di maggiore flessibilità per il nostro Paese. In questo modo il governo potrà far valere tutti i benefici di cui gode chi si trova nel “braccio preventivo del Patto di stabilità”, riuscendo a fare manovre finalizzate alla crescita dell’Italia.
Se l’Europa da una parte concede flessibilità al Paese, dall’altra attende un piano serio per rilanciare la crescita, senza tollerare ulteriori rinvii. Con un debito italiano che quest’anno rischia di superare il 130% del Pil, l’Italia, per riguadagnare competitività, sarà costretta a crescere se vorrà vedere ridotto il rapporto debito/pil. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Saccomani, "Gli italiani meritano di sapere la verità". Pdl insorge
Alitalia, sì dei soci all'aumento capitale. Il Cda annuncia le dimissioni
CONSUMI/ Meno bistecche ma è boom del pollo, + 8,5% in 10 anni
All'Inpdap emolumenti esentasse? Indaga la Corte dei Conti
Agli operai Fiat piace la nuova fabbrica ma aumenta lo stress
Carburanti in discesa, senza tasse costerebbero meno della media Ue



wordpress stat