| categoria: In breve, Senza categoria

Tav “accelera”, in due settimane ratifica del trattato

La Tav Torino-Lione ‘accelera’. Entro ”le prossime due settimane”, ha assicurato il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi, la ratifica del trattato siglato dai governi di Italia e Francia approdera’ in Parlamento. La questione sara’ discussa nel Consiglio dei ministri del 24 maggio. Oggi si e’ insediata a Roma la task force sulla Tav, voluta dallo stesso Lupi. L’organismo definira’ le ‘opere di riqualificazione’ della Valle di Susa e coordinera’ la comunicazione di tutte le istituzioni pubbliche coinvolte. Nel frattempo il governo rimarca il ”fermo impegno” di ”seguire con la massima attenzione – ha precisato il sottosegretario Rocco Girlanda – il regolare adempimento delle prescrizioni connesse alla realizzazione” del cunicolo esplorativo di La Maddalena, il tunnel geognostico che da alcuni mesi si sta scavando a Chiomonte. ”Allo stato attuale – ha detto Girlanda, rispondendo in Senato ad un’interpellanza di Marco Scibona (M5S) – la societa’ Ltf (Lyon Turin Ferroviaire, ndr) ha inoltrato al ministero dell’Ambiente le tavole progettuali relative a 68 prescrizioni che hanno consentito l’inizio dei lavori del cunicolo esplorativo di La Maddalena”. Dal movimento No Tav arriva un sarcastico commento all’ipotesi di reato formulata dalla Procura di Torino per l’assalto di due notti fa al al cantiere: ”A meno che un compressore sia considerato un operaio del cantiere, un macchinario annerito e’ un po’ poco per giustificare un ‘tentato omicidio”’. Nei prossimi giorni il ministro Lupi visitera’ il cantiere di Chiomonte e incontrera’ i sindaci della Valle di Susa. Lunedi’, invece, si terra’ a Torino la prima riunione della task force, di cui fanno parte il ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, la Regione Piemonte, la Provincia di Torino, i sindaci dei tre Comuni direttamente interessati dai cantieri della nuova ferrovia (Susa, Bussoleno e Chiomonte) e il commissario di governo Mario Virano. ”I primi obiettivi – spiega Barbara Bonino, assessore ai Trasporti della Regione Piemonte – sono quelli di portare al Cipe un cronoprogramma di interventi e relative risorse, necessarie ad avere la copertura sia in termini di cassa che di competenza”. Allo studio anche una finestra normativa ”che consenta agli enti locali interessati dai lavori di uscire dal patto di stabilita”’. Tra i compiti della task force ”ci sara’ anche l’ascolto degli enti locali. Manterremo – dice ancora Bonino – un confronto costante con tutti i Comuni, a prescindere dal loro inserimento all’interno dei gruppi di lavoro”. Nel frattempo si e’ appreso che sono 123, fra il 2010 e il 2012, i fascicoli aperti dalla Procura di Torino per reati commessi a margine di iniziative del movimento No Tav. Il dato si riferisce ai procedimenti ‘contro noti’. Le iscrizioni nel registro degli indagati sono state in tutto 707. Alcune persone sono state chiamate in causa in piu’ procedimenti.

Ti potrebbero interessare anche:

MOLISE/ Permessi invalidi a deceduti, acquisiti documenti all'Asrem
Fede registrato, Dell'Utri sa e "mangia" a Berlusconi
EBOLA/ Quasi cinquemila i morti, l'Esercito italiano sperimenta il farmaco
ROMA/ Si lancia da 2° piano liceo, grave 17enne
David Bowie già cremato a New York?
Bevande e giochi da spiaggia: maxi sequestro contro gli abusivi a Ostia



wordpress stat