| categoria: Senza categoria, sport

Allegri, finale thriller. Berlusconi a Milanello

Poteva essere ben piu’ serena per il Milan la settimana di avvicinamento alla partita di Siena, che vale un posto in Champions League e quindi una stagione. Di certo saranno intense le 48 ore finali, con il presidente Silvio Berlusconi che e’ stato ‘convocato’ da Adriano Galliani domani a Milanello, e incontrera’ Massimiliano Allegri, l’allenatore messo in bilico (e provato) da un mese di frecciate presidenziali, riferite da terzi e mai smentite. Proprio come l’ultima battuta attribuita all’ex premier la scorsa notte a Roma: ”Allegri andra’ alla Roma, l’annuncio dopo la partita con il Siena”. Aggiornamenti sono attesi quando Berlusconi tornera’ a Milanello a quasi due mesi dall’ultima volta, il 23 febbraio, alla vigilia del derby, quando si disse pronto a rilanciare di fronte a offerte di altri club per l’allenatore. Allegri nel frattempo ha ricevuto diverse avance e non sono certo migliorati i rapporti fra lui e il numero uno rossonero. ”Devo fare le mie valutazioni”, ha raccontato ieri sera durante una cena elettorale a Roma l’ex premier, annunciando ai presenti che lunedi’ sera al Processo di Biscardi annuncera’ novita’ sul futuro della squadra e quindi, ci si attende, anche sul destino dell’allenatore, coccolato nelle ultime settimane dai giocatori, ma anche da Galliani e Barbara Berlusconi. Allegri dal canto suo lunedi’ e’ atteso a Coverciano per tenere una lezione di tecnica calcistica agli allievi del corso di allenatori Uefa Pro. Lo stesso che, a distanza, dal Brasile sta seguendo Clarence Seedorf, un pupillo del presidente e di conseguenza fra i candidati per un eventuale post-Allegri, cosi’ come Donadoni. Attendono di conoscere il destino di Allegri anche a Roma, sponda giallorossa, e a Napoli. A Milanello, invece, il volume sull’argomento e’ stato abbassato al minimo, per convogliare tutte le attenzioni sugli ultimi novanta minuti della stagione. Mauro Tassotti ha ammesso che ”c’e’ un po’ di tensione, quella di Siena e’ una partita decisiva, ma dobbiamo rimanere sereni, se ci riusciamo, per vincere e far diventare questa stagione importante. I ragazzi – ha continuato il vice di Allegri e dei suoi predecessori – sanno convivere con le voci che circolano, devono pensare solo alla partita”. ”Il presidente’ stato sempre vicino alla squadra e ci ha dato una buona mano nei momenti di difficolta’per far si’ che la stagione potesse cambiare – ha spiegato Tassotti a Milan Channel -. Il suo intervento a Milanello ci ha aiutato molto,poi quello che succedera’ a fine stagione lo vedremo fra3-4 giorni”. Per l’ultima e decisiva partita, in cui i rossoneri devono vincere o ottenere lo stesso risultato della Fiorentina per difendere i due punti di vantaggio sui viola, Allegri spera di recuperare in extremis Montolivo, che sta provando a stringere i denti: a due settimane dalla lesione al bicipite femorale destro, in mattinata ha ripreso ad allenarsi e alla vigilia fara’ un test per capire se potra’ giocare almeno parte della gara.

Ti potrebbero interessare anche:

M5S/ A giugno Nuti capogruppo al posto della Lombardi. Al via la rotazione
Garcia: "Record? Noi vogliamo un titolo"
MONDIALI/ La Nigeria non sfonda, è 0-0 con l'Iran
Venezia, San Marco area museale con ticket di ingresso?
Pensioni, Renzi: su flessibilità in uscita, soluzione nel 2016
A volte ritornano: Gerrard di nuovo al Liverpool



wordpress stat