| categoria: politica

Comunali, ultima settimana di passione. Dalle schede al silenzio

Ultima settimana di campagna elettorale in vista del voto di domenica e lunedi’ prossimi, 26 e 27 maggio. Si votera’ in 565 comuni, nelle Regioni a statuto ordinario e in Sardegna. Si votera’ anche, ma nella sola giornata del 26 maggio, nel comune di Pergine Valsugana, in Trentino Alto Adige. Elezioni regionali si terranno, inoltre, sempre nella sola giornata del 26 maggio, nella Regione Valle d’Aosta. Tra i comuni al voto, sono 2 i capoluoghi di regione: Ancona e Roma, e 14 capoluoghi di provincia: Avellino, Barletta, Brescia, Iglesias, Imperia, Isernia, Lodi, Massa, Pisa, Siena, Sondrio, Treviso, Vicenza e Viterbo. Le operazioni di scrutinio inizieranno lunedi’ 27 maggio, subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti. In caso di ballottaggio per l’elezione dei sindaci, si votera’ domenica 9 giugno e lunedi’ 10 giugno (solo domenica 9 giugno a Pergine Valsugana e in Valle d’Aosta). Le elezioni in 564 comuni delle Regioni a statuto ordinario e della Regione Sardegna interesseranno 6.895.701 elettori, di cui 3.305.273 maschi e 3.590.428 femmine. Le sezioni elettorali complessive saranno 7.964. L’elezione nel comune di Pergine Valsugana (Trento), interessera’ 16.301 elettori, di cui 7.942 maschi e 8.359 femmine. Le sezioni elettorali sono 21. Intanto, in vista del voto, e’ alle ultime battute il calendario delle operazioni del procedimento elettorale. Da martedi’ 21 maggio gli uffici comunali dovranno rimanere aperti ogni giorno, dalle ore 9 alle ore 19 e, nei giorni della votazione, per tutta la durata delle operazioni di voto per consentire il rilascio o il ritiro delle tessere elettorali non recapitate agli elettori e dei duplicati richiesti. Entro giovedi’ 23 maggio il sindaco o il commissario del comune chiamato al voto devono notificare la sostituzione agli scrutatori che prenderanno il posto di coloro che hanno rinunciato. Sempre giovedi’ scade il termine entro il quale coloro che sono ricoverati o sono detenuti devono far pervenire al sindaco del comune nelle cui liste elettorali sono iscritti la richiesta di esercitare il diritto di voto nel luogo di ricovero o di detenzione. Entro venerdi’ 24 maggio avviene la consegna ai sindaci, da parte della Prefettura, delle scatolette contenenti il timbro per le sezioni elettorali e dei pacchi con le schede per la votazione per le elezioni comunali. Sempre entro venerdi’ vanno presentati al segretario comunale gli atti di designazione dei rappresentanti delle liste dei candidati presso i singoli seggi e presso l’Ufficio centrale, anche per l’eventuale voto di ballottaggio. Decorso questo termine, la designazione puo’ essere comunicata direttamente ai presidenti degli uffici elettorali di sezione il sabato pomeriggio, 25 maggio, oppure la mattina stessa dell’elezione, purche’ prima che abbiano avuto inizio le operazioni di voto. Il cosiddetto ‘silenzio elettorale’ scatta dalla mezzanotte del venerdi’ 24 maggio. Poi per tutto il sabato 25 maggio, giorno precedente le elezioni, e nei giorni stabiliti per la votazione, e’ vietato effettuare comizi, riunioni di propaganda elettorale in luoghi pubblici o aperti al pubblico, cosi’ come e’ vietato affiggere stampati o manifesti di propaganda elettorale o diffondere trasmissioni radiotelevisive sempre di propaganda elettorale.

Ti potrebbero interessare anche:

Il segretario Pd: la prima parola tocca a me, Renzi avrà un ruolo
Sorpresa, Crimi a Porta a Porta. Ma il codice grillino non è stato violato
Tv faziosa, Vespa al top nel sondaggio a Cinque Stelle
Nuovo patto Renzi-Berlusconi: subito l'ok all'Italicum ma vale da settembre 2016
Pressing dei sindacati su Poletti, cambiare la legge Fornero
Ong e sinistra sfidano Salvini, parte una nave italiana per salvare migranti



wordpress stat