| categoria: Roma e Lazio

ELETTORANDO/Sergio Marchi: Traffico e udienze generali? Una soluzione è possibile nel rispetto delle regole

Sergio Marchi a bordo della sua bicicletta elettrica

Il traffico nella capitale. In modo particolare nelle aree intorno a San Pietro e al Vaticano. Le Udienze Generali del mercoledì e gli altri incontri con Papa Francesco, stanno portando un flusso sempre più alto di turisti e di pullman, che però rischiano di mandare in tilt il traffico e, soprattutto, lo stress dei romani. I bus superano troppo spesso le aree previste per la sosta. C’è una possibile soluzione? Per il candidato del Pdl alla Presidenza del 1° Municipio (ex 17°) di Roma, Sergio Marchi, sembrerebbe di sì, a partire da una gestione parzialmente diversa della sosta e, soprattutto, dal rispetto delle regole.
Marchi, che è stato anche assessore alla mobilità, ha sottolineato come l’amministrazione Alemanno abbia compiuto dei passi in avanti andando a contenere il fenomeno della sosta non autorizzata nelle direttrici principali, prima largamente abusive. Per il candidato alla guida del 1° Municipio “sono stati organizzati un certo numero di stalli, purtroppo non sempre gli operatori turistici rispettano le regole”. Secondo Marchi gli stalli dovrebbero essere controllati in futuro anche elettronicamente, creando dei varchi elettronici che si possano aprire mediante passaggio con uno speciale “telepass”. L’intenzione è quella di “lanciare un progetto sperimentale sulle piazzole di sosta, di carico e scarico e collegato con la sala operativa della polizia municipale e in contatto con l’agenzia dei servizi mobilità per andare a monitorare che gli stalli vengano occupati solo per il tempo strettamente necessario per le operazioni di scarico e carico dei passeggeri”.
Sergio Marchi suggerisce di incrementare le sanzioni per chi viola le regole, affermando che “prima le multe non superavano i 50 euro, quindi a volte succedeva che gli operatori turistici più spregiudicati rinunciassero a chiedere l’autorizzazione all’agenzia servizi mobilità perché credevano comunque che questa cifra non avrebbe pesato più di tanto sul guadagno della giornata. Ora le multe sono più alte, arrivano anche a 250 euro”.
Per Marchi “è necessario però che anche gli operatori del turismo capiscano che un turismo di qualità, il rispetto delle regole conviene anche a loro, che una città più bella fa in modo che il turista possa ritornare a Roma una seconda e una terza volta”.
Il candidato Pdl alla presidenza del 1° Municipio, parla di controllo, prevenzione, ma soprattutto di rispetto delle regole da parte di tutti.
Alla domanda di un consiglio da dare a tutti i cittadini della capitale su come comportarsi, specialmente i mercoledì, quando c’è l’udienza del Papa, Sergio Marchi, che si muove per Roma quasi sempre con la bici elettrica, suggerisce di utilizzare il bike sharing (che Marchi vuole rilanciare insieme all’aumento delle piste ciclabili), car sharing, o, per quanto possibile il trasporto pubblico e informarsi per tempo, prima di mettersi in viaggio. Marchi inoltre invita a “segnalare eventuali abusi e mancanze di controllo perché il coordinamento tra cittadini e amministrazione è fondamentale per migliorare le cose”. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Blitz di tassisti alla cena parlamentari-Uber: "venduti"
Roma, asilo invaso dai topi. La preside dispone la chiusura
Easyjet cancella dopo 4 ore di ritardo il volo Roma-Nizza, rivolta dei passeggeri
STADIO ROMA: CONSIGLIERI PD LASCIANO AULA PER PROTESTA
INCHIESTA NOMINE:ATTESA IN CAMPIDOGLIO MA ASSESSORI A LAVORO
Aggredita troupe “Dritto e Rovescio” a Stazione Tiburtina



wordpress stat