| categoria: esteri, Senza categoria

IL PERSONAGGIO/ Barbara De Anna, una vita in prima linea

Da tre anni in Afghanistan, dopo diverse esperienze di cooperazione, in oltre dieci anni, nelle agenzie dell’Onu in giro per il mondo. Barbara De Anna, quarantenne fiorentina rimasta gravemente ferita in un attentato kamikaze ieri a Kabul, lavorava nella capitale afghana dal dicembre del 2011 come funzionaria dell’Organizzazione internazionale delle Migrazioni. In Afghanistan era arrivata nell’ottobre 2010, a Herat, dove si concentra il contingente italiano, a testimonianza di impegno sul fronte della cooperazione sempre in prima linea da circa dieci anni. Laureatasi a Firenze in relazioni internazionali nel 2001, De Anna ha poi conseguito una specializzazione all’Universita’ di New York nel 2008. In mezzo, diversi incarichi operativi: due anni in Honduras con l’Undp (United Nations Development programme), poi in Liberia e Timor Est tra il 2006 e 2007, proprio al culmine della guerra civile che flagello’ il paese asiatico dopo l’indipendenza. Quindi, un incarico per l’Unchr in Giordania, prima di essere assunta nel 2010 dall’Oim – la principale organizzazione intergovernativa in ambito migratorio – e subito trasferita in Afghanistan, prima ad Herat e poi a Kabul.

Ti potrebbero interessare anche:

TRASPORTI/ Revocato lo sciopero di bus e metro dell'8 febbraio
De Gregorio, ora vado in carcere a riflettere
Milano, imprenditore evade 180mila euro di Iva a causa della crisi: assolto
MOSTRE/ Un Veronese sontuoso alla conquista di Londra
Bono, forse addio alla chitarra dopo la caduta
IL PUNTO/ La guerra per Roma porta solo guai



wordpress stat