| categoria: esteri, Senza categoria

IL PERSONAGGIO/ Barbara De Anna, una vita in prima linea

Da tre anni in Afghanistan, dopo diverse esperienze di cooperazione, in oltre dieci anni, nelle agenzie dell’Onu in giro per il mondo. Barbara De Anna, quarantenne fiorentina rimasta gravemente ferita in un attentato kamikaze ieri a Kabul, lavorava nella capitale afghana dal dicembre del 2011 come funzionaria dell’Organizzazione internazionale delle Migrazioni. In Afghanistan era arrivata nell’ottobre 2010, a Herat, dove si concentra il contingente italiano, a testimonianza di impegno sul fronte della cooperazione sempre in prima linea da circa dieci anni. Laureatasi a Firenze in relazioni internazionali nel 2001, De Anna ha poi conseguito una specializzazione all’Universita’ di New York nel 2008. In mezzo, diversi incarichi operativi: due anni in Honduras con l’Undp (United Nations Development programme), poi in Liberia e Timor Est tra il 2006 e 2007, proprio al culmine della guerra civile che flagello’ il paese asiatico dopo l’indipendenza. Quindi, un incarico per l’Unchr in Giordania, prima di essere assunta nel 2010 dall’Oim – la principale organizzazione intergovernativa in ambito migratorio – e subito trasferita in Afghanistan, prima ad Herat e poi a Kabul.

Ti potrebbero interessare anche:

IVA/ Fassina: rinvio a luglio e cancellazione in autunno
VATICANO/ "Grazie, scusa, permesso", le parole del Papa
Leaders europei e migliaia in marcia a Tunisi contro terrorismo: "Le monde est Bardo". Ucc...
Renzi a Cuba da Raul, Italia coglie una svolta storica
Maroni, anche sulla cura dell'ictus la Lombardia è un modello da seguire
SPAGNA LANCIA CACCIA A PUIGDEMONT E A ESILIATI CATALANI



wordpress stat