| categoria: sanità

Nuova Sars, sono tre i casi a Firenze

Salgono a tre i casi di nuova Sars. Sono la nipotina di pochi mesi e una collega del paziente giordano ricoverato da martedì all’ospedale di Firenze. Entrambi erano soggetti sotto sorveglianza sanitaria perchè entrati in contatto stretto con l’uomo affetto da Mers. La conferma viene dal ministero. Salgono così a tre i casi.
Una è la nipotina del paziente giordano di 45 anni che da martedì è ricoverato all’ospedale Careggi di Firenze. La bambina di un anno e mezzo è ricoverata al centro pediatrico Meyer in isolamento. In serata sono arrivati i risultati degli esami che hanno confermato la presenza del virus Mers, quindi il contagio. Gli esami saranno ripetuti anche dall’Istituto superiore di Sanità per avere la conferma definitiva. La piccola aveva i sintomi della malattia: tosse e febbre. Sarebbe stata in contatto con lo zio nella giornata di domenica, poi lunedì l’uomo è andato a lavorare rientrando la sera. La mattina il ricovero in ospedale. L’altro contagiato è una collega: il cittadino giordano lavora in un hotel di Firenze. Sotto controllo per i contatti con il primo paziente affetto da Mers ci sono 43 persone, un numero però che sta crescendo. Tra questi il fratello dell’uomo, oltre ai sanitari che lo hanno avuto in cura in questi giorni. Il ministero si sta occupando di avvertire anche i passeggeri che nelle tratte aeree hanno viaggiato con lui da Amman a Vienna, da Vienna a Bologna e da Bologna a Firenze. I controlli riguardano i viaggiatori che si trovavano nella sua stessa fila o nelle due davanti e dietro.

Ti potrebbero interessare anche:

Pressing della Lega al ministro: stop ai massaggi fai-da-te in spiaggia
VENETO/ Se un "matto" commette reati nessuno sa più cosa fare. Non ci sono le Rems
Manager Asl sta per cambiare tutto. Meno potere di scelta ai governatori, albo unico nazionale e und...
Zika, nuovo caso di infezione a Roma, di rientro dal Brasile
Polemiche sul 'Fertility Day' lanciato dal ministero della Salute: "Insulta chi non ha figli&qu...
SANITA’ CHE NON FUNZIONA/ Perché i siciliani rinunciano a curarsi



wordpress stat