| categoria: primo piano

Corte dei Conti accusa: lotta all’evasione ondivaga e contradditoria

La lotta all’evasione ”continua ad essere un elemento centrale e imprescindibile nell’azione di risanamento della finanza pubblica” ma ”la strategia adottata dal legislatore nel corso della passata legislatura e’ stata caratterizzata da andamenti ondivaghi e contraddittori”. Cosi’ la Corte dei Conti nell’ultimo rapporto sul coordinamento della finanza pubblica. Il redditometro non risolverà il problema della lotta all’evasione, sostiene la Corte dei Conti, rilevando che “il clamore mediatico suscitato dal nuovo meccanismo di ricostruzione sintetica dei redditi appare francamente sproporzionato alle limitate potenzialità dello strumento e alla presumibile efficacia dello stesso”. Alcune misure di lotta all’evasione fiscale, come lo ‘spesometro’, con il quale vengono registrate tutte le operazioni verso i consumatori finali di importo pari o superiore a 3.600 euro, comportano alcuni “rischi”, tra i quali “effetti negativi sui consumi” o, “peggio”, l’aumento della “propensione ad effettuare acquisti di beni e servizi in nero”, rileva la Corte dei Conti.

Ti potrebbero interessare anche:

Shopping di Natale, atteso un crollo. Non c'è un euro da spendere
La Bundesbank attacca Renzi. Palazzo Chigi: non ci fate paura
La vendetta francese, bombardata in Siria la "capitale" dell'Isis
Libia, il governo Serraj arriva a Tripoli via mare: miliziani in rivolta
Sciopero 25 ottobre. Venerdì nero. Roma a rischio paralisi
Coronavirus, primo morto in Italia



wordpress stat