| categoria: sport

Caos Roma, via il manager e rebus panchina: Mancini? Magari

Doveva essere il giorno della fumata bianca del nuovo allenatore e invece in casa Roma e’ stato quello dell’annuncio dell’addio di Franco Baldini. Il direttore generale si congeda dalla Capitale dopo due anni contraddistinti da poche luci e troppe ombre, e soprattutto abbandona la nave lasciandola in piena burrasca dopo l’ennesima stagione fallimentare conclusa senza la qualificazione alle coppe europee e col ko in finale di Coppa Italia nel derby con la Lazio. In Inghilterra sono certi che presto sara’ di nuovo in pista, a Londra nello staff del Tottenham, ma di certo non sara’ lui a scegliere il tecnico che avra’ l’arduo compito di risollevare l’umore della piazza giallorossa. ”Voglio ringraziare la proprieta’ per l’opportunita’ che mi e’ stata data. Sono stato benissimo a Roma e auguro il meglio per il club, i giocatori e tutti i tifosi” le uniche parole di Baldini che prima di risolvere consensualmente il rapporto professionale (lasciando sul tavolo due anni di contratto e 2,2 mln lordi) ha atteso l’ufficialita’ della cessione di Stekelenbrug al Fulham (5,6 mln, di cui uno finira’ nelle casse dell’Ajax) poiche’ le firme apposte sui contratti erano le sue. Il dg saluta quindi cedendo il passo a Walter Sabatini e Italo Zanzi. Le operazioni calcistiche resteranno prerogativa del direttore sportivo che riportera’ direttamente al Ceo americano, uomo di fiducia del presidente Pallotta a Trigoria. Proprio il businessman di Boston ha ringraziato Baldini ”per il lavoro svolto al servizio della Roma nel corso delle due stagioni passate. Franco ha avuto un ruolo importante nel lancio del nostro progetto. Gli auguriamo il meglio per le sue attivita’ future”. A preoccupare i tifosi giallorossi, pero’, sono soprattutto le attivita’ future della Roma nonostante le rassicurazioni dello stesso Zanzi. ”La nostra priorita’ rimane il successo sul campo – ha spiegato il Ceo – Abbiamo fiducia nel nostro futuro e vogliamo continuare a costruirlo sulla base del talento che abbiamo assemblato in questi due anni. Sabatini ed io lavoreremo a stretto contatto con Pallotta per formare il nostro staff tecnico e la rosa per questa stagione”. E per prima cosa dovra’ essere sciolto il nodo allenatore. Sabatini anche oggi e’ rimasto a Milano per incontri di lavoro riguardanti la scelta del nuovo tecnico. In lizza i nomi sono sempre quelli dei francesi Rudi Garcia (cercato da Psg e Malaga) e Laurent Blanc (anche lui nel mirino del Psg), con la suggestione Roberto Mancini all’orizzonte. Con gli agenti dei primi due il ds ha discusso, approfondendo questioni che vanno dalla rosa della squadra alle prospettive di successo, passando ovviamente per il budget di mercato. Diverso il discorso per Mancini, con cui non c’e’ stato un vero e proprio incontro ma solo dei contatti col suo entourage

Ti potrebbero interessare anche:

SCI/ Mondiali, Maze regina della velocità, Vonn battuta ancora
Serie B, il Pescara sorprende il Carpi. L'Avellino cade a Lanciano
I tabloid inglesi salutano Balotelli: «Finalmente ce ne siamo liberati»
Roma, Nainggolan ci crede: "Possiamo vincere lo scudetto"
Juventus-Carpi 2-0: i bianconeri non fanno sconti
La Lazio vince in rimonta ​Vitesse sconfitto per 3-2



wordpress stat