| categoria: sanità

La Regione Toscana attiva 500 posti letto di cure intermedie nelle Asl

Due milioni e mezzo di euro per attivare 500 posti letto di cure intermedie in tutte le aziende sanitarie della Toscana. Lo stanziamento e’ stato deliberato dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore al diritto alla salute Luigi Marroni. Dopo le Case della Salute, i letti di cure intermedie sono la seconda azione che va a rafforzare il percorso territoriale, nel processo di riorganizzazione del sistema sanitario toscano avviato dall’inizio dell’anno. ”Un paio di settimane fa abbiamo inaugurato a Prato il primo presidio di cure intermedie della regione – ha sottolineato l’assessore Marroni – Ora, con questa delibera, diamo forte impulso all’attuazione dei letti di cure intermedie, che con le Case della Salute sono uno dei pilastri portanti della riorganizzazione in atto nel sistema sanitario toscano: riorganizzazione che si sta caratterizzando per un forte potenziamento delle cure territoriali e per l’impulso dell’assistenza domiciliare”. I letti previsti dalla delibera sono 512, che vanno ad aggiungersi ai 1.055 gia’ attivi, per un totale di 1.567 in tutta la regione. Dei nuovi 512, 243 saranno nell’Area Vasta Centro, 132 nell’Area Vasta Sud Est, 137 nell’Area Vasta Nord Ovest. Il Presidio di cure intermedie, spiega una nota della Regione, e’ una struttura extraospedaliera residenziale temporanea, che ha una funzione di supporto alla dimissione precoce e in sicurezza degli anziani ricoverati nell’area medica dell’ospedale. Si tratta di pazienti, perlopiu’ anziani, che hanno gia’ superato la fase acuta della malattia e sono quindi stabilizzati clinicamente, ma ancora in una condizione tale da non poter essere assistiti al proprio domicilio. Sono pazienti che non richiedono un ricovero per acuti, ma necessitano ancora di una fase di osservazione e/o di continuita’ terapeutico-riabilitativa per cercare di recuperare la loro autonomia. Le necessita’ sono prevalentemente di assistenza infermieristica, ma deve essere assicurata la valutazione medica quotidiana, in relazione alla situazione clinica. Per il funzionamento del servizio di cure intermedie sono necessari: un medico responsabile del servizio, un infermiere coordinatore, un medico responsabile del percorso di continuita’ assistenziale, i medici del team multidisciplinare, il medico di medicina generale del paziente, al quale spetta la responsabilita’ clinica. Obiettivi del servizio di cure intermedie sono la riduzione/eliminazione del prolungamento inappropriato dei ricoveri ospedalieri e dei tempi di degenza; la stabilizzazione terapeutica e il recupero funzionale dei pazienti dimessi dall’ospedale; la riduzione/eliminazione del ripetersi di ricoveri a breve-medio termine. Il piano di assistenza personalizzato e’ condiviso con il medico di medicina generale del paziente.

Ti potrebbero interessare anche:

PUGLIA/ Il nuovo assessore: blitz a sorpresa per snidare gli imboscati
Piccoli ospedali, riconversione già avviata dalle Regioni
Vaccini, sanzioni contro i medici che li sconsigliano? L'Anaao: "Una follia"
Pillola dei cinque giorni dopo, il 50% delle italiane non sa come si acquista
Vaccini obbligatori. Lorenzin sul caso Veneto: “Senza vaccini, niente scuola. Legge corretta e neces...
IN PRIMO PIANO/ Chi si occupo dei bambini “medicalmente complessi”



wordpress stat