| categoria: Dall'interno, Senza categoria

Loreto, centomila a piedi dopo la telefonata del Papa allo stadio

Centomila fedeli, in maggioranza giovani, hanno inondato questa mattina presto Loreto e il Santuario della Santa Casa. Circa la meta’ sono arrivati a piedi da Macerata, gli altri si sono aggiunti nelle varie tappe del perorso di 28 chilometri, sollecitati anche dalla telefonata del Papa allo Stadio Helvia Recina, dove il cardinale Marc Ouellet e i vescovi delle Marche stavano per celebrare la messa d’inizio della 35esima edizione di questa iniziativa promossa da Comunione e Liberazione. “Tutta la vita e’ un pellegrinaggio. L’importante e’ l’incontro con Gesu’ in questa strada della vita: l’incontro con Lui e questo ti da’ la fede perche’ e’ proprio Lui che te la da’”, ha detto il Papa, ai ragazzi esortandoli poi con forza. “Lasciatevi guidare da Gesu’ lasciatevi guidare da Gesu'”, ha ripetuto loro due volte Francesco. Le parole di Papa Francesco, infatti, sono state ritrasmesse piu’ volte durante la marcia, e in particolare hanno aiutato i ragazzi nella salita finale che porta alla citta’ di Loreto e al Santuario che e’ nel punto piu’ alto. Nella telefonata, Bergoglio ha parlato di Dio come del “Signore delle sorprese”. “Siate aperti alle sorprese di Dio,” ha chiesto ai giovani. “Anche per voi – ha osservato Francesco – l’avvenimento di questa notte che ogni anno cresce e’ una sopresa, e’ il segno che nulla e’ impossibile a Dio. Come spiegare altrimenti che da 300 che eravate nel 78 siete diventati lo scorso anno 90 mila. Anche voi potete appoggiarvi tutti su Gesu’, su questa presenza cosi’ affascinante e attraente”. “Quando vi sentirete stanchi e vi verra’ la tentazione di andare per conto vostro – ha poi concluso il Pontefice rivolto ai ragazzi – pensate a questo: ripetete il vostro si’, pregate perche’ ciascuno di voi possa riconoscere nella sua carne piagata nel corpo e nello spirito la sua umanita’ bisognosa dell’umanita’ di Cristo, l’unica che puo’ saziare davvero il desiderio dell’uomo. Andate avanti con speranza carissimi giovani, andate avanti con speranza! E per favore: non lasciatevi rubare la speranza, e’ il Signore che ce la da’. Buona Messa, Buon Pellegrinaggio e che il Signore vi benedica. Pregate per me! Ne ho bisogno”. “Papa Francesco ha aderito a una richiesta che io ho fatto mercoledi’ scorso, quando ho acceso la fiaccola del pellegrinaggio, la fiaccola della pace in piazza San Pietro. Gli ho dato il mio cellulare chiedendo che il Papa ci potesse fare la grazia di un saluto, un messaggio, per telefono”, ha spiegato il vescovo di Fabriano e promotore della marcia, monsignor Giancarlo Vecerrica che aveva partecipato alla scorsa Udienza Generale insieme all’amministratore apostolico di Macerata e assistente ecclesiastico generale dell’Universita’ Cattolica, monsignor Claudio Giuliodori. L’evento quest’anno ha avuto per tema: ‘Che cosa puo’ davvero saziare il desiderio dell’uomo?”. “Abbiamo scelto questa frase – ha spiegato monsignor Vecerrica alla Radio Vaticana – perche’ e’ una domanda di Benedetto XVI in un discorso sull’Anno della Fede:vogliamo vivere questa esperienza. La domanda tocca tutti, credenti e non credenti, perche’ tocca il cuore, cioe’ il desiderio profondo dell’essere umano”.

Ti potrebbero interessare anche:

MPS/ Conti bocciati, trema la Borsa
SCUOLA/ In Senato governo bocciato su proroga blocco contratti
Palestrina, picchia la compagna che lo sorprende mentre abusa della figlia
GOVERNO/ Renzi pronto a sfatare la "sindrome dei due anni"
Papa abbraccia il Grande Imam di Al-Azhar: "Nostro incontro è un messaggio"
ENOGASTRONOMIA: A CARLOFORTE TORNA 'GIROTONNÒ, NEL SEGNO DELL'ANTICA TRADIZIONE



wordpress stat