| categoria: attualità

Fondi del Viminale: arrestato a Roma ex prefetto La Motta


L’ex prefetto Francesco La Motta e’ stato arrestato su ordine della Procura di Roma in merito al filone capitolino dell’inchiesta sulla gestione dei Fondi del Viminale. Agli arresti anche il banchiere Klaus Beherend, mentre Eduardo Tartaglia e Rocco Zullino, gia’ in carcere a Napoli, sono stati raggiunti da una nuova ordinanza di custodia.
Gli arrestati sono accusati di peculato e falsita’ ideologica nell’inchiesta condotta dal pm Paolo Ielo. La parte romana dell’indagine, nata alcuni mesi fa a Napoli, riguarda un investimento in Svizzera di dieci milioni di euro del Fec (Fondo Edifici di Culto), di cui La Motta era l’ex responsabile, affidato, secondo chi indaga, a Zullino, broker di Lugano e collaboratore di Tartaglia, a sua volta parente di La Motta.

Per quanto riguarda la posizione del banchiere Beherend, secondo i Ros e i carabinieri di Napoli che stanno svolgendo le indagini, e’ colui che avrebbe redatto i piani di investimento dei Fondi in collegamento con Tartaglia.

Ti potrebbero interessare anche:

Benzina, 2 giorni di sciopero delle stazioni
Cantone apre alla legalizzazione della cannabis
LA GUERRA DI MEDIASET/ Il titolo continua a correre in Borsa, Berlusconi annulla tutti gli impegni
Esplode un cratere dell'Etna, dieci feriti
Salvini superstar, Lega al nord sopra al 40%, M5S primo partito al Sud
Inchiesta zone rosse, pm Rota a Palazzo Chigi



wordpress stat