| categoria: politica, Senza categoria

Lavoro, in settimana incontro Letta-sindacati, poi il piano in Consiglio dei Ministri

Il Piano per rilanciare l’occupazione, a partire da quella giovanile, sara’ pronto tra ”qualche giorno”. Il governo sta ”definendo meglio le coperture finanziarie del provvedimento”, spiega il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini – esprimendo intanto soddisfazione per il vertice a quattro di ieri – con l’obiettivo che le misure siano ”il piu’ possibile condivise ed efficaci”. Ma e’ appunto questione di giorni. Tanto che il pacchetto dovrebbe andare al Consiglio dei ministri la prossima settimana. E sempre la prossima settimana i sindacati incontreranno il premier Enrico Letta, come riferito dal leader della Cisl, Raffaele Bonanni, nell’intervento di chiusura del XVII congresso confederale, dopo aver avuto un colloquio telefonico con lo stesso Letta. Per affrontare le questioni principali sul tappeto: lavoro, fisco, sviluppo. L’appuntamento potrebbe essere per giovedi’ e coincidere, quindi, con quello dei sindacati europei (ieri il segretario generale della Ces, Confederazione europea dei sindacati, Bernadette Segol, ha annunciato per il 20 mattina un incontro tra la Ces ed il premier). E cosi’ precedere la manifestazione nazionale ed unitaria indetta da Cgil, Cisl e Uil per sabato 22 giugno a Roma, in piazza San Giovanni, con lo slogan ‘Lavoro e’ democrazia’. Perche’ il lavoro torni al centro delle scelte politiche ed economiche, perche’ si finanzino gli ammortizzatori in deroga per tutto il 2013, partendo dallo sblocco del miliardo di euro stanziato a maggio, come torna a chiedere il numero uno della Cgil, Susanna Camusso, che intanto esprime apprezzamento per la ”scelta del governo di continuare il confronto sul lavoro”. Perche’ si salvaguardino gli esodati, si riducano le tasse per i lavoratori dipendenti ed i pensionati ma anche per le imprese che investono e assumono nei prossimi due anni. Su questo insiste Bonanni: serve un taglio ”vigoroso”. La questione fiscale ”e’ centrale”, puo’ essere ”la tomba o la rinascita” dell’economia italiana. ”Il governo deve avere coraggio. Ci vuole uno choc positivo”, ripete chiudendo il congresso. E mostra una certa fiducia: ”Ho motivi per dire che una risposta ci sara”’ da parte del governo Letta. ”Non credo si possa continuare nell’irresponsabilita’ come i governi degli ultimi dieci anni, che hanno alzato le tasse nazionali e locali”. Mentre sul lavoro torna ad avvertire: ”Ho detto al presidente del Consiglio che non ha convenienza ad intervenire in modo autoritario sulle materie del lavoro. E’ meglio affidarle alle parti sociali”, lasciando al governo la funzione di indirizzo e coordinamento e tenendo fuori ”le posizioni ideologiche di alcuni schieramenti”.

Ti potrebbero interessare anche:

Germania, a marzo sale la disoccupazione
FISCO/ Delega torna alla Camera, rush finale per l'ok
TRUFFA/ Sette in carcere con l'ex docente della Bocconi Micalizzi, tre ai domiciliari
YARA/ Il pm: così Rossetti l'ha seviziata e abbandonata agonizzante
Caso Di Stefano, il deputato non rispondei ai pm
Sanremo, bisogna rassegnarsi, è ancora boom. Share al 49,50%



wordpress stat