| categoria: spettacoli & gossip

Depardieu: ho sette passaporti perchè sono un uomo libero

In quella che e’ forse l’intervista piu’ lunga ed esaustiva da quando ha accettato il passaporto russo, dopo aver ‘litigato’ col governo francese, l’attore Gerard Depardieu difende ora se stesso come un adorabile ‘teppista’ e ‘cittadino del mondo’. Cinque mesi dopo essere diventato cittadino della Russia di Vladimir Putin, l’enfant terrible del cinema francese racconta a ‘Le Journal du Dimanche (JDD)’ che adesso e’ un attore ‘franco- russo’ con la missione di collezionare piu’ nazionalita’. “Ho sette passaporti di diversi stati che amo -dice l’attore- ed ho intenzione di chiederne uno anche all’Algeria, tra gli altri”. Depardieu, 64 anni, racconta al giornale parigino che lui e’ “un uomo libero e cittadino del mondo”. A dicembre Depardieu aveva scatenato furori annunciandodi voler rinunciare alla sua cittadinanza francese dopo che il Primo Ministro Jean-Marc Ayrault aveva bollato come “patetico” il suo spostare la redisenza in un villaggio al confine con il Belgio, supponendo che fosse per ragioni fiscali. Putin intervenne con un forte abbraccio e un passaporto, che l’attore ricevette con gratitudine, definendo la Russia una “grande democrazia”. L’attore, che ha interpretato l’ex direttore del Fmi Dominique Strauss-Kahn in un film in uscita che racconta la caduta dell’economista, e’ convinto che la sua spregiudicatezza – e la sua pesante attitudine al bere- sia proprio cio’ che lo ha reso amato a molti, in Francia e in Russia.”Penso di corrispondere ad un’immagine che ai francesi piace. Quella di una persona ribelle, che da’ una scossa alle cose, che talvolta si ubriaca. E’ una specie di spirito da teppista che anche Putin piace,” racconta la star di ‘Cyrano de Bergerac’ e ‘Asterix e Obelix’. Nonostante abbia dichiarato di voler lasciare la Francia, Depardieu continua a trascorrere molto tempo nel suo paese, dove ha diversi affari e continua a pagare le tasse. L’intervista al JDD si e’ svolta nell’elegante sesto distretto di Parigi, dove e’ il popolare proprietario di un negozio di pesce e di un ristorante. L’attore paga contestualmente le tasse in Belgio, dove ha comprato una casa l’altr’anno a pochi chilometri dalla Francia, cosi’ come le paga in Russia. Alla domanda “Ma lei cosa fa in Russia?” del giornale, l’attore risponde “ci vivo. Faccio film. Ho degli affari”, declinandoli meglio in “negozi, ristorazione, cinema, immobiliare, turismo”. La sua casa russa si trova nei dintorni di Saransk, 700 chilometri da Mosca nella Repubblica di Mordovia, conosciuta per i suoi campi di prigionia sovietici. Depardieu sostiene di voler promuovere la cultura del turismo in quell’area. “Si, vorrei farlo e anche Vladimir Putin lo vorrebbe -spiega l’attore- Lui ha fatto tante cose per la cultura, per l’opera, lo sviluppo di San Pietroburgo, il restauro del patrimonio, delle chiese, dei monasteri”.

Ti potrebbero interessare anche:

Balotelli scarica Fanny. E la Fico?
Witherspoon alticcia e nel panico: una notte brava
MUSICA/ Ligabue 'si mette all'asta' per beneficenza
Cine70, dieci anni di cinema italiano
Baldini si sfoga, "Fiorello? Non lo vedrò mai più". Carlo Conti, debiti e ricatti
L’eredità, torna Carlo Conti nel preserale che era di Frizzi



wordpress stat