| categoria: Il Commento

Doppia gaffe di Marino sull’estate romana. Ha trovato i fondi? Li usi per chi è senza casa e lavoro

Ma chi scrive le battute al neo sindaco di Roma Marino? Il suo portavoce viene da fuori (tanto per cambiare) non dovrebbe ancora essere entrato in partita, ma qualche suggeritore c’è: e gli fa dire che appena insediato ha trovato i soldi per l’Estate Romana, recuperati tra le pieghe dl bilancio e che ci sono già i progetti pronti e vagliati. E’ fin troppo ovvio che tutto questo – se vero – è da attribuirsi se non altro per motivi strettamente temporali alla giunta precedente. Che ovviamente balza in piedi e protesta. Poteva risparmiarsela, questa uscita. Marino si dimostra poco riflessivo e un po’ avventato. Qualcuno dovrebbe farlo riflettere sulla incongruità strategica e politica dell’affermazione. Roma è alle corde, non c’è una lira, la gente dorme nelle roulotte (vedere per credere via Ramazzini, accanto al Forlanini), occupa le case e noi pensiamo alla estate romana? Se sono stati trovati soldi nelle pieghe del bilancio vengano utilizzati tutti e subito per dar sollievo a chi è in difficoltà, e pazienza per l’Estate Romana. Il neo sindaco dovrebbe cominciare a ragionare in questi termini, sollevare i coperchi e vedere cosa c’è nelle pentole, inventarsi soluzioni immediate per le mille emergenze romane e lasciare le frivolezze per tempi migliori.

Ti potrebbero interessare anche:

Egitto, effetto-contagio sul quadrante nordafricano?
Toto-ministri, Renzi si incarta sui nomi
Ucraina, dopo la fiammata è guerra di nervi: gli errori di Kiev e la prudenza di Mosca
In Italia la giustizia è morta /2
L'affaire dei "migranti"
Quelle discutibili tesi palestinesi che allignano in Occidente



wordpress stat