| categoria: esteri

Devastanti inondazioni in India, si temono oltre mille morti

Piogge monsoniche e frane stanno mettendo in ginocchio la regione nelle province dell’Himalaya. Un parlamentare del posto sostiene che ci siano oltre 2000 vittime e ci sono 50 mila persone intrappolate dal maltempo. Diecimila soldati sono stati inviati nella zona per portare aiuto ai sinistrati. Per ora il bilancio ufficiale parla di 138 persone che hanno perso la vita
Sono finora 138 le persone morte per le violente inondazioni e le frane provocate dalle piogge monsoniche nel nord dell’India, ma le autorità locali temono che le vittime possano essere oltre 1000. Una parlamentare del posto, Shaila Rani Rawat, sostiene che addirittura sarebbero già circa 2000. I soccorritori stanno cercando di raggiungere, in elicottero e a piedi, le migliaia di persone – si stima 50.000 – intrappolate nelle province dell’Himalaya, di difficile accesso.

Sono stati dispiegati 10mila soldati per portare aiuto ai sinistrati, ai turisti ed ai pellegrini indù, rimasti imprigionati a migliaia lungo il percorso sacro del Char Dham, nel nord dell’Uttarkhand, lo stato più colpito dalle abbondanti piogge monsoniche iniziate una settimana fa.
La furia distruttrice delle piogge ha devastato interi villaggi nel nord ovest dell’India, i trasporti su strada e ferrovia risultano bloccati, i ponti crollati. “Dappertutto è una rovina”, ha commentato un ufficiale del’esercito. “Ci sono cadaveri dovunque e temiamo che siano morte oltre 1000 persone”, ha dichiarato Ganesh Godiyal, presidente di una fondazione che raduna numerosi santuari nelle città di Kedarnath e Badrinath. Si calcola che finora siano stati tratti in salvo non meno di 33.000 sfollati. Nella capitale New Delhi il fiume Yamuna ha raggiunto un livello che non si ricordava dal 1978.

Anche in Nepal i monsoni killer hanno fatto le loro vittime: 39, secondo Laxmi Prasad Dhakal, responsabile del centro nazionale delle operazioni di emergenza.
L’arrivo dei monsoni, con due settimane di anticipo rispetto alla data abituale, ha preso alla sprovvista le autorità locali mettendo ancora una volta a nudo le carenze sul piano della prevenzione e dei soccorsi.

Ti potrebbero interessare anche:

ANALISI/ Francia, ostaggi in paese a rischio, la Francia non paga più
Tratta di esseri umani, il ciclo infernale passa dal Sinai
Obama "profondamente turbato" dal video sul ragazzo nero ucciso dalla polizia
Siria, sì del governo a tregua. Ma rimane l'incertezza
Egitto, "uccisi cinque 'sequestratori' forse legati a caso Regeni". Poi la smentita
Terremoto magnitudo 7.2 nel nord Iraq: centinaia di vittime



wordpress stat