| categoria: economia, Senza categoria

Fininvest, nel 2012 rosso per 285 milioni, a Berlusconi 93 milioni

Fininvest chiude il 2012 con un maxi-perdita di 285,2 milioni di euro, dovuta a 650 milioni di svalutazioni e oneri straordinari, e per il terzo anno consecutivo decide non distribuire alcun dividendo ai soci. Per far affluire liquidita’ alle societa’ della famiglia Berlusconi che la controllano, la holding che detiene le partecipazioni in Mediaset, Mondadori, Mediolanum e nel Milan ha pero’ distribuito lo scorso 20 marzo 93,6 milioni di utili portati a nuovo nei precedenti esercizi dopo aver ”valutato l’importo delle riserve distribuibili nonche’ la consistenza delle risorse finanziarie disponibili”. Sui conti della holding, ha spiegato la societa’ al termine dell’assemblea che ha approvato il bilancio 2012, hanno pesato ”rilevanti” oneri di ristrutturazione non ricorrenti e svalutazioni di attivi patrimoniali effettuate a seguito degli impairment test. Oltre alla quota del 2% in Mediobanca, costata circa 80 milioni di rettifiche, hanno impattato le svalutazioni fatte dalle controllate Mediaset e Mondadori, che hanno chiuso il 2012 in rosso, rispettivamente, per 287 e 167 milioni. Senza le poste straordinarie Fininvest avrebbe chiuso l’esercizio in utile per 59,4 milioni (7,5 milioni il risultato 2011), nonostante un calo a 5.154 milioni dei ricavi (-11,3%), una flessione a 1,26 miliardi (-35,3%) del margine operativo lordo e una perdita operativa di 490,5 milioni contro l’utile di 609,9 milioni del 2011. ”Il profondo peggioramento dei mercati di riferimento e il netto calo di consumi e investimenti hanno inciso in modo molto sensibile sui risultati” ha affermato Fininvest ricordando di aver lavorato nel 2012 con ”l’obiettivo di migliorare significativamente l’efficienza delle strutture e ridurre in modo determinante i costi”. Miglioramenti si sono registrati sul fronte dell’ indebitamento finanziario, sceso di quasi 200 milioni a 1,88 miliardi, grazie a una generazione di cassa di 217 milioni. A livello di capogruppo la perdita e’ stata di 193,1 milioni, contro un utile di 105,9 milioni nel 2011, a causa di svalutazioni di partecipazioni per circa 220 milioni. Fininvest resta intanto in attesa delle sentenza della Cassazione sul Lodo Mondadori. In relazione alla somma di 564 milioni versate nelle casse della Cir lo scorso anno, la holding di Berlusconi, che non ritiene di dover alcunche’ alla societa’ di De Benedetti, non ha costituito alcun accantonamento ma ha deliberato l’istituzione di un vincolo di indisponibilita’ di parte del patrimonio netto mediante la costituzione di una ‘Riserva vincolata a esito contenzioso Cir’.(

Ti potrebbero interessare anche:

ROMA/ Pancalli sul blocco del traffico, allo studio soluzioni per chi va allo stadio
Boom di lavoro negli Usa, disoccupazione giù al 6,3%
CASO MAUGERI/ M5S lombardo, l'accordo è una resa incondizionata
MOSTRA/ "Viaggio a Roma con Nanni Moretti" come il suo cinema racconta la città
L'INTERVISTA/ "Prospettive incoraggianti per il mercato della nautica
Se la sinistra chiude per ferie



wordpress stat