| categoria: In breve, Senza categoria

Ania, oltre tre milioni di auto sono senza assicurazione

Tre milioni di auto circolano senza assicurazione. E’ il 7% del parco vetture, che diventa il 12% al Sud, il 30% a Napoli. Il dato e’ emerso oggi all’assemblea dell’Ania, l’associazione delle imprese assicuratrici. In primo piano i costi dell’Rc Auto, ”un’ossessione”, come ha detto il presidente Aldo Minucci. E le imprese colgono l’occasione per rilevare come invece il costo delle polizze sia quest’anno diminuito e come il premio medio per la Rc Auto sia pari a 525 euro. Ma, anche se in calo, e’ un’uscita che incide molto sui bilanci delle famiglie e il costo e’ legato non solo ai tanti incidenti e alle frodi, ma anche a ”altre cause, inerenti alla efficienza e alla concorrenzialita’ del mercato”, fa notare il presidente dell’autorita’ di vigilanza del settore (l’Ivass), Salvatore Rossi. E anche il ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, ritiene che ”con interventi mirati e’ possibile coniugare la riduzione degli oneri per gli assicurati con la redditivita’ per le imprese”. L’Antitrust era di recente tornata a sottolineare che il premio medio per le Rc Auto in Italia e’ piu’ del doppio di quelli di Francia e Portogallo, supera quello tedesco dell’80% circa e quello olandese di quasi il 70%. Anche per questo in settimana partira’ un tavolo di confronto al ministero dove siederanno le autorita’ garanti (Ivass e Antitrust), le imprese, gli intermediari, i consumatori. Ancora un anno con la raccolta premi in calo per il settore assicurativo, scesa nel 2012 del 4,6% a 108 miliardi, dopo il -11,9% del 2011. Per il 2013 e’ invece atteso un andamento in rialzo dei premi, che dovrebbero salire a 114 miliardi (+8,8%). Nell’anno passato, comunque, il settore ha chiuso con un utile di 5,8 miliardi, dopo il rosso di 4,4 miliardi del biennio precedente. L’Ania lamenta che il carico impositivo sui premi di assicurazione in Italia ”si conferma, ormai da lungo tempo, tra i piu’ elevati in Europa” (per l’Rc Auto l’aliquota e’ al 25,5%). Per evitare incidenti l’Ania propone l’obbligo di ‘Alcol lock’, il dispositivo che impedisce l’accensione dell’auto se il guidatore non e’ sobrio. Per evitare le frodi, invece, sia il ministro Zanonato che Rossi dell’Ivass rilevano il ruolo che potrebbe avere la scatola nera. Anche se vanno risolte le questioni legate alla privacy. Infine la questione della crisi. Le assicurazioni, ”a differenza di quello che hanno fatto importanti investitori esteri”, hanno aumentato nel loro portafogli la quota di titoli governativi italiani, che dal 2008 al 2012 e’ passata dal 33% al 50%. ”In un periodo di profonda crisi” le assicurazioni – ha detto il presidente Ania Minucci – hanno svolto la loro funzione economica ”contribuendo a dare stabilita’ al Paese”. Gli investimenti delle compagnie coprono l’11% del debito pubblico, uno stock di quasi 220 miliardi di euro.

Ti potrebbero interessare anche:

Borghezio, non ho insultato Kyenge, non mi pento
RCS/ I pm di Milano indagano su presunto "buco" in Rcs Sport
CALCIO/Lazio-Roma, cori contro il Napoli da curva Roma
RIFIUTI/ Arriva il piano straordinario per la capitale, in dieci giorni il ritorno alla normalità
ISIS/ Aviazione irachena in stato di allerta per la presenza di truppe turche
EDITORIA/ Verdini dice addio al Gruppo Angelucci



wordpress stat