| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

Salvi Cem e i suoi cento pazienti. La patata bollente passa da Cri ad Asl RmD

Accordo Regione Lazio-Cri, “Salvo il centro educazione motoria”. Da luglio, l’intesa prevede che lo stabile di via Ramazzini venga ceduto in comodato d’uso gratuito alla Asl RmD per 30 anni. Per gli oltre 100 pazienti disabili sarà garantita l’assistenza. Ce n ‘è voluto di tempo per arrivare a questa conclusione, che comunque non risolve definitivamente il problema Cem ma comunque lo colloca in una prospettiva diversa. Il protocollo di intesa è stato firmato dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dal presidente provinciale della Croce rossa italiana, Flavio Ronzi, e dal commissario straordinario della Asl RmD, Alessandro Cipolla. Valida a partire da luglio, l’intesa prevede che lo stabile di via Ramazzini venga ceduto in comodato d’uso gratuito alla Asl RmD per 30 anni. Gli spazi torneranno nella disponibilità dell’associazione alla scadenza prevista dall’accordo o prima se la Asl RmD deciderà di utilizzare altra sede.
Scongiurato così il rischio, paventato nei mesi scorsi dal Comitato provinciale della Cri, di non proseguire l’assistenza ai disabili in cura al Centro, che attualmente si occupa di oltre 100 pazienti, 45 in regime assistenziale residenziale in modalità di mantenimento, 16 in regime assistenziale semi-residenziale, 32 pazienti ambulatoriali modalità estensiva e 19 utenti ambulatoriali. Per loro, nei mesi scorsi, si era anche ipotizzato il trasferimento in altre sedi.

Ti potrebbero interessare anche:

Troppo veloce, multata auto sindaco Pisa
CRISI/ Gli italiani rinunciano alla vacanza, a casa quasi il 42%
A Poggio Moiano festa con l'asparago selvatico
Antiabusivismo, il Comune ci riprova. Operazione pulizia a Fontana di Trevi
I sindacati contro Improta: minaccia sempre sanzioni, ma a Roma governa l'abusivismo
Teatro di Latina senza agibilità, il Comune chiude la struttura



wordpress stat