| categoria: politica

Il Papa riceve Letta, 30 minuti colloquio

E’ durato circa 30 minuti il colloquio privato tra papa Francesco e il presidente del Consiglio Enrico Letta, ricevuto stamane dal Pontefice al Palazzo apostolico vaticano. La visita di Letta si è svolta in un clima estremamente cordiale, rilassato, con il Papa e il capo del governo italiano sempre molto sorridenti.

Il capo del governo italiano, che ha incontrato anche il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, era accompagnato nella visita da un seguito di una decina di persone, tra cui la moglie Gianna Fregonara, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Filippo Patroni Griffi con la consorte, l’ambasciatore italiano presso la Santa Sede Francesco Maria Greco, anche lui con la moglie, il consigliere ecclesiastico dell’Ambasciata, mons. Marco Ceccarelli.

“E’ stato particolarmente intenso: gli ho raccontato del mio viaggio in Terra Santa”. Così, dopo l’incontro di circa 30 minuti con papa Francesco, il premier Enrico Letta ha risposto a una domanda del cardinale Tarcisio Bertone su com’era stato il colloquio.

Nel colloquio tra il Papa e il premier Enrico Letta si è parlato delle “principali prove” che l’Italia e l’Unione Europea “stanno sostenendo, in particolare, a proposito dell’adozione di misure che creino e tutelino l’occupazione, soprattutto giovanile”. Lo riferisce una nota della sala stampa vaticana. Durante i “cordiali colloqui” del premier Letta prima con papa Francesco e quindi con il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, “ci si è soffermati sulla situazione sociale e sulle principali prove che i cittadini e le istituzioni dell’Italia e dell’Unione Europea stanno sostenendo, in particolare, a proposito dell’adozione di misure che creino e tutelino l’occupazione, soprattutto giovanile”. Si è poi riconosciuto “il fattivo apporto che le famiglie italiane e le istituzioni della Chiesa continuano a fornire alla stabilità del Paese”, riferisce ancora il comunicato della sala stampa. “Non si è mancato, inoltre – prosegue -, di considerare alcuni temi di politica internazionale, con una preoccupata attenzione all’evoluzione del contesto civile e istituzionale dei Paesi appartenenti all’area mediterranea e mediorientale”. È stato infine ribadito, conclude la nota, “il positivo convincimento delle Parti di proseguire nella reciproca collaborazione per il progresso della Nazione italiana e per il bene della comunità internazionale”.

Ti potrebbero interessare anche:

Bersani non esclude un passo indietro. Ipotesi Bindi?
Renzi aspetta l'ok alla riforma del voto per decidere. Letta resiste
Renzi sfida manager e istituzioni, ora decide la politica
IL PUNTO/ Giorni decisivi, chi romperà il silenzio per primo?
Caso Biagi, prescrizione per Scajola e de Gennaro
Lega, Salvini licenzia anche gli ultimi 24 dipendenti del partito



wordpress stat