| categoria: Roma e Lazio, Senza categoria

Fori pedonalizzati, ecco il piano (infernale) che qualcuno ha pensato per il sindaco

Certo non è farina del sacco del neo sindaco Marino, qualcuno ha inventato per lui un piano per consentirgli di pedonalizzare i Fori Imperiali. Per fare contento Marino e offrire ai posteri una prospettiva diversa si cambierà faccia alla viabilità di un quadrante cruciale del centro storico cittadino. E per chi immagina una via imponente consegnata ai turisti e ai pedoni, delusione in arrivo, almeno per quanto riguarda la sperimentazione: il tratto resterà percorribile per autobus, taxi e mezzi d’emergenza. Della serie. Abbiamo scherzato.
Ma vediamo cosa passa il convento, le linee guida della sperimentazione del piano di chiusura al traffico privato di via dei Fori Imperiali, tra largo Corrado Ricci e piazza del Colosseo. La strada, attualmente percorribile dal traffico privato in direzione del colosseo, resterà aperta solo ai mezzi di trasporto pubblico (bus, taxi e ncc) e a quelli in emergenza. Lo spazio sottratto alle auto private sarà quindi disponibile per realizzare un progetto di riqualificazione dell’area finalizzato al miglioramento della mobilità ciclabile e pedonale.Il provvedimento andrà a modificare gli attuali schemi di viabilità in un’area compresa tra via di San Gregorio, via Cavour, via Labicana e via Merulana con l’obiettivo di garantire alla viabilità privata un’alternativa funzionale alle attuali direttrici. In primo luogo, la modifica interessa il flusso di traffico proveniente da piazza Venezia, via Cavour e via Nazionale (attraverso la Salita del Grillo e via Tor dè Conti) e diretto verso via di San Gregorio e via Labicana. Si tratta di un flusso complessivo di circa 1.600 veicoli all’ora nelle fasce di punta così suddivisi: 700 veicoli provenienti da via Cavour, 500 da piazza Venezia e 400 da via Nazionale/Salita del Grillo via Tor dè Conti. Di questi il 90% (1.440 veicoli all’ora circa) si dirige su via di San Gregorio verso le zone di Circo Massimo/Ostiense/Eur. Il restante 10% (circa 160 veicoli all’ora) si dirige su via Labicana verso Porta Maggiore/San Giovanni.Per quanto riguarda la ztl del centro storico, durante la fase sperimentale non è prevista alcuna variazione agli attuali limiti. Il varco elettronico che controlla l’accesso in ztl resterà in largo Corrado Ricci. In corrispondenza dell’intersezione via Cavour/via degli Annibaldi sarà apposta una specifica segnaletica di preavviso di limitazione degli accessi al centro storico.

La viabilità prevista dal piano impone una serie interventi che interesseranno gli schemi di traffico e la segnaletica a partire dall’incrocio tra Via cavour e via degli Annibaldi. Ecco come:
– Via degli Annibaldi e via Nicola Salvi diventano a senso unico verso piazza del Colosseo;
– In piazza del Colosseo verrà aperto l’accesso a via di San Gregorio per i veicoli provenienti da via Nicola Salvi; – via Labicana diventa a senso unico in direzione di via Merulana con due carreggiate separate da una corsia preferenziale centrale. La carreggiata di destra è riservata ai veicoli diretti nella zona di Termini-Esquilino con svolta obbligata su via Merulana, mentre la carreggiata sinistra è riservata ai veicoli diretti nella zona di Celio-viale Manzoni-San Giovanni. La preferenziale resta percorribile dai mezzi pubblici in entrambi i sensi di marcia;
– All’incrocio tra piazza di Porta San Giovanni e via Emanuele Filiberto verrà resa possibile la svolta a sinistra in direzione di piazza Vittorio Emanuele;
– Da via di San Gregorio, in arrivo alla piazza del Colosseo, verrà offerta la doppia possibilità: per i veicoli diretti nella zona di termini-esquilino di accedere alla carreggiata sinistra di via Labicana da dove si può prendere via Merulana verso Porta Maggiore; per i veicoli diretti a San giovanni e alla zona del Celio sarà disponibile sulla carreggiata destra di via Labicana, utilizzando l’attuale viabilità su piazza del Colosseo.

Il progetto prevede la riorganizzazione di tutte le intersezioni sugli itinerari dove vengono modificati i sensi di marcia, con l’adeguamento dei semafori, degli attraversamenti pedonali, delle isole spartitraffico, dei marciapiedi e della segnaletica. Gli interventi più significativi dal punto di vista della consistenza delle opere da realizzare sono localizzati su piazza del Colosseo e su via Labicana.

Via Merulana sarà interessata da un intervento sulla segnaletica senza impatti significativi sul sistema della sosta. Altri interventi di limitata entità sono previsti alle intersezioni di largo Corrado Ricci, via Annibaldi-via Cavour e via Nicola Salvi. Previsto anche un nuovo piano di segnaletica di indirizzamento per agevolare la comprensione dei nuovi itinerari e consigliare itinerari più allargati al di fuori dell’area Colosseo/Labicana/Merulana.

Ti potrebbero interessare anche:

Chi si rivede, l'assessore Ravera partecipa alla Maratona Franchigena
Latina, fiaccolata per Alessia Calvani
Lista Marchini canta vittoria, impedita la svendita delle case e denunciata affittopoli
Giudice veneziano non sentenzia: se sbaglio devo pagare
Grande Fratello rischia, la polizia sventa un blitz di estremisti contro la casa
STAZIONE TIBURTINA: COMITATO, DEGRADO E CRIMINALITÀ, SERVONO INTERVENTI URGENTI



wordpress stat