| categoria: spettacoli & gossip

MUSICA/Vinicio Capossela il 13 agosto all’anfiteatro di Mascalucia

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela porterà il 13 agosto all’Anfiteatro Parco Trinità Manenti di Mascalucia (Catania) la Banda della Posta e la “Musica per sposalizi”, per l’unica tappa siciliana del mini-tour organizzata da Francesco Amantia Management, con la compartecipazione del Comune di Mascalucia. Vinicio Capossela sta girando l’Italia con le sue molteplici produzioni ed in Sicilia, a Mascalucia approderà con la sua ultima iniziativa artistica. Sarà una grande festa con le musiche e le danze legate alle tradizioni del rito dello sposalizio. Questo tour nasce da “Il primo ballo”, un cd prodotto da Vinicio Capossela, che contiene 20 brani tipici della zona dell’Irpinia che i musicisti, originari di Calitri, paesino in provincia di Avellino, suonavano agli sposalizi nel corso degli anni ’50. Nel concerto si rivivranno le atmosfere di festa tipiche della cultura popolare, quando la musica era un momento di aggregazione e allietava la vita della comunità. L’idea a Capossela è venuta qualche anno fa, quando ha notato un gruppo di anziani suonatori di quell’epoca che aveva preso l’abitudine di ritrovarsi davanti alla Posta nei pomeriggi assolati. A chi domandava cosa facessero appostati davanti a quell’ufficio postale, rispondevano che montavano la guardia alla Posta, per controllare l’arrivo della pensione. Quando l’assegno arrivava, sollevati, tiravano fuori gli strumenti dalle custodie e suonavano. Capossela sarà accompagnato sul palco da Giuseppe Caputo “Matalena” (violino), Franco Maffucci “Parrucca” (chitarra e voce), Giuseppe Galgano “Tottacreta” (fisarmonica), Giovanni Briuolo (chitarra e mandolino), Vincenzo Briuolo (mandolino e fisarmonica), Giovanni Buldo “Bubù” (basso), Antonio Daniele (batteria), Crescenzo Martiniello “Papp’lon” (organo), Gaetano Tavarone “Nino” (chitarre). Nel “repertorio” ci sono mazurke, polke, valzer, passo doppio, tango, tarantella, quadriglia e fox trot. Un classico dell’Italia degli anni ‘50-‘60, codificato come genere musicale ben preciso in un periodo nel quale lo “sposalizio” è stato la principale occasione di musica, incontro e ballo. “Lo sposalizio – ha commentato Capossela al varo dell’iniziativa – è stato il corpo ed il pane della comunità, il mattone fondante. Veniva consumato con il cibo e con la musica. Questa musica che accompagnava il rito era musica umile, da ballo, adatta ad alleggerire le cannazze di maccheroni e a ‘sponzare’ le camicie bianche, che finivano madide e inzuppate, come i cristiani che le indossavano”. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Miss Italia sempre più verso La7 con Castellitto e Gerini
GRAN BRETAGNA/ Reali, Harry e Cressy già in crisi
Mina, sta per uscire "Selfie", nuovo album di inediti
Venezia: Laurie Anderson, in mio film lo spirito di Lou Reed
I 75 anni di Faye Dunaway, bionda di 'Bonnie e Clyde'
SERATA TV/ "Amici"vince, nonostante tutto



wordpress stat