| categoria: editoriale, Senza categoria

Siamo con l’acqua alla gola, per favore liberateci del caso-Berlusconi

Ne abbiamo abbastanza, come paese siamo con l’acqua alla gola, ci tagliano il rating, non riusciamo a trovare la quadratura del cerchio, le tasse ci soffocano. e abbiamo un problema Berlusconi. Se lo condannano salta il governo. Politica o meno che sia la sentenza la gente comune non riesca a capire come le sorti dell’Italia siano così intimamente legate alle vicende giudiziarie e alle condanne del Cavaliere. Non è giusto, non è corretto, non è democratico. Si trovi un accordo su questo, qualcuno porti per mano il paese fuori dal tunnel nel quale qualcuno ci ha cacciato. E facciamola finita con le minacce, le ritorsioni. Non si faccia pagare la classe media, che sta sopportando il peso della crisi, non si facciano pagare le imprese. Paghini chi può, chi specula e si arricchisce, si taglino spese di rappresentanza, si limi ancora quel superfluo. Si tagli la benzina alle auto blu, si vendano i palazzi del potere, si taglino le consulenze, le super pensioni. Ma non si faccia pesare al paese la condanna vera, virtuale, ipotetica del Cavaliere. La rivolta, a questo punto, ci sarà sul serio.

Ti potrebbero interessare anche:

UCRAINA/ A Mosca marcia anti Maidan, "Qui non passerà"
FLASH/ Referendum, alle 19 affluenza al 23, 48%
Ordinanza balneare, accessi a spiagge con varchi pubblici ogni duecento metri
Tangenti nei ministeri, intercettazioni da brivido: così ho fatto assumere il fratello di Alfano
I misteri italiani di Amri. Chi copriva il killer di Berlino?
Tumore al seno in aumento tra le più giovani e le anziane, solo 55% delle donne fa mammografia



wordpress stat