| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

Asl di Latina sotto tiro, c’è un ospedale di troppo. Va tagliato

Finirà male, dicono nei corridoi, il braccio di ferro ingaggiato con la Regione. E qualche testa salterà. La Asl di Latina fa i conti con i “tagli” imposti dalle linee guida regionali a dipartimenti e strutture complesse. C’è ancora da capire se il direttore generale, Renato Sponzilli, resterà o meno al suo posto fino a dicembre e intanto si deve lavorare alle ipotesi per i “tagli”. Il gruppo di lavoro che si era già occupato del nuovo atto aziendale tornerà a riunirsi con tre priorità: riduzione dei dipartimenti, verifica della necessità o meno di tre presidi ospedalieri e soprattutto rapporti con l’università. Se sui dipartimenti si gioca una partita organizzativa, c’è il serio rischio – è una delle ipotesi di lavoro – che sparisca il presidio centro. L’attuale ospedale diviso tra “Fiorini” di Terracina e “San Giovanni di Dio” di Fondi verrebbe diviso tra Latina e Formia. Al tempo stesso c’è il rebus del rapporto con l’università. Solo nel presidio nord ci sono 26 unità operative complesse ospedaliere e 14 universitarie “doppione”. In tutto, quindi, sono 40: un numero che evidentemente è insostenibile. Le strutture della Sapienza vanno conteggiate o no? E’ un passaggio fondamentale, un chiarimento che dopo anni deve assolutamente esserci.

Ti potrebbero interessare anche:

La gaffe di Palazzo Chigi, twitta (e poi ritira e si scusa) la lista dei trombati eccellenti
Dall'inizio della crisi fallite 15mila aziende per ritardi nei pagamenti della Pa
Lite nel traffico al Gianicolense. Due giovani sparano, un ferito all'ospedale
Oltre un milione di famiglie senza redditi di lavoro
TANGENTI/ Mazzetta da cinquemila euro, fermato giudice tributario
Il mare d'Abruzzo perde altre due Bandiere blu: ora sono solo sei



wordpress stat