| categoria: In breve, Senza categoria

Belfast, terza notte di violenze orangiste

Centinaia di protestanti hanno manifestato a Belfast e sostenuto scontri con la polizia, nella notte a margine delle tradizionali marce protestanti dell’Ordine di Orange. E’ stata la terza notte consecutiva di disordini nonostante l’appello alla calma del premier nord-irlandese, Peter Robinson. I manifestanti hanno aggredito gli agenti lanciando bombe molotov, pietre e altri oggetti contundenti, mentre la polizia reagiva con raffiche di pallottole di gomma. Un poliziotto e’ rimasto ferito.In realta’ gli scontri non sono stati cosi’ violenti come nelle due notti precedenti. Ma il premier ha chiesto la calma: “E’ molto importante che le proteste si fermino. E’ importante mantenere il sangue freddo e spero che la popolazione ascolti gli appelli dell’Ordine di Orange affinche’ cessino le violenze. L’unico tipo di protesta giustificato e’ quella pacifica e legittima”. Le violenze sono cominciate venerdi’ quando la polizia ha cercato di far rispettare la decisione delle autorita’ che avevano proibito ai dimostranti orangisti di attraversare in parata un quartiere cattolico di Belfast. Quest’anno infatti la Commissione per le Parate, creata nel 1997 per sorvegliare lo svolgimento delle iniziative e prevenire i conflitti, ha deciso di impedire il passaggio nel sobborgo di Ardoyne. Con la parata, l’Ordine degli Orangisti ricorda la vittoria di Guglielmo d’Orange sull’ultimo re cattolico, Giacomo II, nel corso della battaglia di Boyne combattuta dal primo al 12 luglio del 1690.

Ti potrebbero interessare anche:

I marò salutano le famiglie e partono: "manteniamo la parola"
TV/ L'appello dello psichiatra, stop allo spreco di cibo nei talent di cucina
G8 MADDALENA/ Mancate bonifiche, archiviazione per Bertolaso
Yara Gambirasio, dieci peli umani trovati sul suo corpo. Nessuno è di Massimo Bossetti
A Lanciano diagnosi precoce del Parkinson
«Avances sessuali» ad avvocatesse, trasferito il pm del caso Varani e dei Marò



wordpress stat