| categoria: politica

Sotto inchiesta i giudici che condannarono Fitto

La procura di Lecce ha aperto un’inchiesta sul collegio di giudici che, nel dicembre scorso, ha condannato l’ex ministro del Pdl, Raffaele Fitto a quattro anni di reclusione per corruzione e abuso di ufficio. Nelle scorse settimane il procuratore Cataldo Motta ha chiesto al presidente del Tribunale di Bari, Vito Savino, alcune carte che documentano lo svolgimento del processo. Una richiesta che ha colto di sorpresa il presidente che ha inviato tutti gli atti alla procura. Ma contestualmente ha segnalato la vicenda al presidente della Corte d’Appello, Vito Marino Caferra, indicandone l’originalità non fosse altro perché si sta indagando su una sentenza della quella non si conoscono ancora le motivazioni.
L’indagine della procura di Lecce nasce dopo le durissime accuse di Fitto, 24 ore dopo la sentenza nei confronti della corte che lo aveva condannato. Secondo l’ex ministro il presidente di sezione Luigi Forleo, e gli altri due giudici Clara Goffredo e Marco Galesi avrebbero imposto un ritmo serrato al suo processo in modo da
condannarlo proprio nel mezzo della campagna elettorale. “Si è aperta in maniera ufficiale un’azione da parte della magistratura barese – aveva detto Fitto – che è entrata a piedi uniti in questa campagna elettorale. Non c’era bisogno di fare questa sentenza in questi tempi. Attendo di sapere dal presidente Forleo, dalla consigliera Goffredo e dal presidente del tribunale Savino – aveva attaccato Fitto – perché vengono utilizzi due pesi e due misure in modo così clamoroso.

Ci sono dei processi – aveva spiegato per i quali gli stessi componenti del collegio che mi ha condannato hanno fatto valutazioni differenti con tre udienze all’anno, salvo dichiarare la prescrizione di quei procedimenti a differenza del caso mio nel quale ho avuto il privilegio di avere tre udienze a settimana”. Il riferimento era al processo sulla missione Arcobaleno che era appunto seguito dagli stessi giudici e che invece aveva avuto tempi molto più lunghi. “Questa è la volontà precisa di un collegio che ha compiuto una scelta politica precisa, che è quella di dare un’indicazione a questa campagna elettorale”.

Alle domande di Fitto vuole rispondere evidentemente ora la procura di Lecce che ha aperto prontamente l’indagine e altrettanto prontamente si è mossa con il tribunale. Tra gli atti che verranno analizzati ci sono appunti i calendari delle udienze: l’obiettivo è capire se sono stati commessi degli abusi, come dice Fitto, o se tutto è stato svolto secondo le regole. Bisognerà invece aspettare ancora per avere le motivazioni della sentenza Fitto: la corte ha chiesto un’ulteriore proroga, bisognerà aspettare sino al 14 agosto.

Ti potrebbero interessare anche:

Bersani, lealtà a Renzi ma la legge elettorale va cambiata
Il leader secessionista veneto: "Io, prigioniero di guerra"
Berlusconi vede Fitto per ricucire, ma tra i due è gelo
Salvini lancia la flat tax, Berlusconi apre un cantiere con la Lega
Renzi vola a Washington da Obama. Appello del presidente Usa per il 'sì'
VIOLENZA DONNE: BONGIORNO,NON DEVO SCUSARMI,CONFERMO TUTTO



wordpress stat