| categoria: politica

M5S: Casaleggio, andremo al governo da soli con il 51%

”Andare al governo e’ l’unica cosa che conta” e ”ci andremo da soli anche grazie alla disgregazione che stanno vivendo per motivi diversi le altre forze politiche. Ci andremo con il 51%”. Lo afferma il guru di M5S, Gianroberto Casaleggio in un’intervista a Wired. Sulla battuta d’arresto del Movimento 5 Stelle alle amministrative di maggio Casaleggio spiega che ”era tutto previsto, abbiamo voluto perdere. Avremmo potuto prendere piu’ voti aumentando il numero di liste, potevano essere il quadruplo, tante erano le richieste arrivate. Ma abbiamo preferito affrontare le elezioni solamente con le liste radicate sul territorio da almeno un paio di anni”. Sulle elezioni politiche di febbraio rivela invece che ”una settimana prima del voto, nei nostri uffici lanciammo una scommessa sui risultati del movimento e fui l’unico a dire che saremmo stati il primo partito. Se non e’ accaduto e’ stato perche’ viviamo in un paese come l’Italia in cui i media – in particolare la tv – e i partiti coincidono. Senza la televisione, che influenza il voto come nessun altro mezzo, avremmo preso il 40%”. Casaleggio spiega che il governo dovrebbe essere digitalizzato. ”L’80% della burocrazia – dice – e’ senza senso. Il 50% della restante burocrazia utile puo’ essere cancellato dall’uso della rete. Il parlamentare e’ l’esecutore del volere della collettivita’. Per questo ogni decisione importante va sottoposta a referendum. Un discorso a parte va, invece, fatto per la magistratura: il potere giudiziario deve mantenere la sua indipendenza”.

Ti potrebbero interessare anche:

Sgarbo istituzionale, la Boldrini declina l'invito di Marchionne
Letta si dimette ma inchioda agli atti il "no" dei Dem
Senato, ultimatum di Renzi: «Riforme subito o mi dimetto io"
PUGLIA/ Il voto diventa un caso, due candidati sindaco con Emiliano
Il Cav tenta la tregua in Fi, Brunetta-Romani, lavoro insieme
Ballottaggi 2016: nessun "impresentabile" eletto



wordpress stat