| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

Medici di famiglia nei pronto soccorso, Fimmg: “Risparmi per 2,8 milioni di euro”

Sono 4284 i medici di medicina generale nel Lazio, a fronte di circa 5 milioni e 500mila abitanti. La qualità del servizio erogato “si evince dal numero di ricoveri richiesti, pari a 155 ogni 100mila abitanti, il numero più basso di tutta Italia, a fronte dell’alto numero di contatti telefonici, che sono stati 330mila”. E’ quanto emerge dal 1° rapporto sull’attività della medicina generale del Lazio, elaborato dalla Fimmg Roma, che evidenzia anche un altro dato di particolare interesse: tra aprile 2012 e 2013 il progetto AmbMed ha garantito un risparmio di circa 2,8 milioni di euro.

I medici di medicina generale, nel corso degli ultimi anni, hanno mostrato un’efficace capacità drenante rispetto ai Pronto Soccorso. Nel 2004, infatti, sono state instaurate in via sperimentale le Unità di cure primarie (Ucp), costituite appunto dai medici di medicina generale. Un intervento che ha prodotto effetti benefici, se si pensa che nel 2012 e in questa prima parte del 2013 gli accessi intercettati al Pronto Soccorso da parte delle Ucp oscillano tra 150mila e 200mila.

Un importante contributo al processo di deospedalizzazione è poi arrivato da AmbMed, progetto che ha ricevuto stanziamenti pari a 2,5 milioni di euro. Di questi, 1 milione e 737mila euro sono stati utilizzati per i medici di Medicina generale e per il personale di coordinamento. “Moltiplicando il costo medio di spesa del Pronto soccorso – sottolinea il rapporto – per i codici bianchi e verdi di 242 euro, si ricava che in una struttura di Pronto soccorso si sarebbero spesi, per trattare i 38mila accessi che sono stati smaltiti all’interno di Ambmed, più di 9 milioni di euro”.

Se poi si sommano i costi fissi di gestione della struttura “pari a 4 milioni e 598mila euro e la spesa per i medici e coordinatori, che si attesta a 1 milione e 737mila euro, emerge come con il progetto Ambmed, per realizzare lo stesso servizio, siano stati spesi 6 milioni e 335mila euro. Circa 2,8 milioni in meno rispetto ai 9 milioni necessari al Pronto Soccorso”.

“La capacità di risposta del sistema ospedale è diminuita – ha sottolineato Pier Luigi Bartoletti, segretario regionale Fimmg Lazio – La domanda di salute si è progressivamente spostata sull’unica area che ancora, in virtù di un rapporto personale e fiduciario, consente di avere delle risposte: quella dei medici di Medicina generale. Risposte che vengono fornite grazie all’impegno di singoli professionisti sia pur con sempre maggiore difficoltà, ma che non sempre sono risolutive”.

A livello complessivo Bartoletti ha assicurato di nutrire “fiducia in questa nuova amministrazione regionale”. E i primi segnali positivi, “che hanno rappresentato una decisa inversione di rotta rispetto alle precedenti gestioni, si sono registrati rispetto alle Case della salute. Finalmente è stato definito un piano chiaro, con una precisa divisione di compiti e funzioni. Iniziamo quindi a ragionare di ipotesi concrete, caratterizzate da un approccio pragmatico che assicura – ha concluso – una maggiore vicinanza agli effettivi bisogni

Ti potrebbero interessare anche:

Piano di crisi al Gazzettino, il governo vigili
Umberto I, che fine ha fatto il progetto di rifarlo nuovo al Tiburtino?
M5S, Di Battista denuncia: «Lettera con proiettile a Movimento»
SERIE B/ Frosinone a tre punti dalla A
Torna Gazebo, anche in versione quotidiana
Nuovo nubifragio su Roma, allagamenti sulla Colombo e a Ponte Milvio



wordpress stat