| categoria: Dall'interno

Moria pesci nei canali di Venezia. Sviluppo anomalo delle alghe ?

La moria di pesci che si e’ verificata in questi giorni nella laguna di Venezia ”e’ verosimilmente dovuta allo sviluppo anomalo di alghe dei generi Ulva, Gracilaria e Agardhiella”. Lo afferma l’Arpa del Veneto, secondo cui ”a causa del particolare andamento meteorologico della scorsa primavera ed inizio estate, con abbondanti precipitazioni prima e caldo anomalo poi, la produzione di biomassa e’ stata particolarmente abbondante”. Superata la fase di fioritura, viene aggiunto, ”lo sviluppo del materiale vegetale si e’ interrotto ed e’ iniziata la decomposizione”. Il fenomeno ha avuto conseguenze negative – moria di pesci e cattivo odore – soprattutto nella zona compresa tra il centro storico e la gronda lagunare nell’area di Mestre-Marghera, in quanto caratterizzate da scarso ricambio idrico, bassi fondali (con forte riscaldamento dell’acqua) e importante apporto di nutrienti per le alghe (azoto e fosforo) che giungono in laguna attraverso i corsi d’acqua. Per l’Arpa ”si tratta di un fenomeno naturale e circoscritto nella zona, mentre il resto della laguna presenta condizioni normali”. Fondamentale, comunque, ”la situazione di anomalia meteo climatica”.

Ti potrebbero interessare anche:

Riva Acciaio, annuncio shock, cessiamo tutte le attività
Scontrini wc tra le spese dei consiglieri della Regione Emilia Romagna
MALTEMPO/ Bari, allagata la cripta di San Nicola
Norvegia miglior paese per gli anziani, Italia solo 14/esima
Dietro le quinte del caso Regeni, problemi da Cambridge?
ALTRO CROLLO PER VENTO A VENEZIA, TORRE-FARO CADE SU PARK



wordpress stat